Mentre completavo la stesura del libro “Vivere nell’undicesima ora”, ho pensato che potesse esserci un certo valore nel continuare quel viaggio, completare quella storia e parlare del Millennio.

Onestamente non avevo previsto di scrivere un sequel. Il fine settimana successivo ho iniziato quella che potrebbe essere definita una recensione della letteratura sull’argomento.

Come prima cosa, mi sono rivolto alle opere standard e sono rimasto assolutamente stupefatto da quanto i profeti abbiano parlato di questo periodo.

Mentre ero certo che molti dei miei dati fossero presi da Dottrina ed Alleanze, rimasi sbalordito dal dettaglio dottrinale presente nell’Antico Testamento.

Inoltre, sapevo che il libro dell’Apocalisse sarebbe stato tremendamente fertile, ma non mi ero reso conto che i quattro Vangeli, le epistole di Paolo e Pietro e gli insegnamenti dei profeti e degli apostoli moderni, come Joseph Smith, Brigham Young e Orson Pratt, sarebbero stati così fruttuosi.

Ero anche molto consapevole del fatto che troppo spesso gli scritti in questo campo di studio conducono alla speculazione selvaggia ed incontrollata, all’instabilità spirituale e alla quasi ossessione dei particolari, anche e soprattutto quando questi particolari non sono stati resi noti attraverso i canali autorizzati.

Nelle settimane che seguirono la mia decisione di intraprendere un simile lavoro, parlai spesso con membri della Chiesa di Gesù Cristo nello sforzo di pre-valutare e determinare informalmente ciò che il membro medio della Chiesa comprendeva e non capiva riguardo alla storia del nostro Signore, del Millennio e di ciò che sarebbe seguito alla risurrezione ed al giudizio.

Mentre lo facevo, mi sono trovato davanti quelli che potrei chiamare “Cinque miti sul Millennio”.

Mito N° 1 – Per una persona, è possibile studiare le Scritture e gli scritti dei profeti degli ultimi giorni e tracciare una sequenza accurata e completa di eventi, da qui al ritorno del Maestro sulla terra.

Non mi ci è voluto molto per scoprire che un simile compito non porta a nulla, che semplicemente non sia fattibile.

Per prima cosa, il Signore ed i Suoi profeti parlano in termini generali, attraverso espressioni generali e raramente diventano minuziosamente specifici sul quando e sul come.

L’anziano Bruce R. McConkie lo spiegò in questo modo:

“Non è sempre possibile per noi, nel nostro presente stato di illuminazione spirituale, mettere ogni evento in una categoria o in un intervallo di tempo esatto.

Siamo lasciati a meditare e ad interrogarci su molte cose, forse per tenerci all’erta ed attenti verso i comandamenti ed essere pronti se il Signore arrivasse nei nostri giorni.

E alcune delle espressioni profetiche si applicano ad eventi di entrambi i periodi pre- e post-Millennio; alcuni hanno un adempimento iniziale e parziale ai nostri giorni e avranno un secondo e più grande completamento nei giorni a venire” (Il Messia del Millennio, Deseret Book, 1982, 251).

Mito N° 2 – Il Millennio è già arrivato e ci stiamo vivendo ora.

Questo fraintendimento mi ha davvero scioccato. Ho incontrato un sorprendente numero di Santi degli Ultimi Giorni che mi ha detto che il Millennio è iniziato qualche tempo fa, con la morte del profeta Joseph Smith, l’istituzione dello stato di Israele, la caduta del muro di Berlino e della cortina di ferro o con un numero di altri eventi storici.

Le Scritture ed i profeti degli Ultimi Giorni sono molto chiari ed inequivocabili su questo argomento: il Millennio è un periodo di mille anni di pace e giustizia che inizia con la venuta di Gesù Cristo in potenza e gloria nel mondo intero.

Tutti i figli di Dio sapranno quando accadrà. Per prima cosa, l’arrivo della gloria del Salvatore sarà ciò che le Scritture chiamano la “fine del mondo”, che è la distruzione dei malvagi e la purificazione della terra (Joseph Smith-Matteo 1:4, 31).

Mito N° 3 – Il Millennio ci sarà perché la bontà, la decenza e la civiltà cristiana si tradurranno in un mondo pronto a ricevere il suo Re che ritorna.

Questa prospettiva è essenzialmente ciò che alcuni storici o teologi chiamano post-Millennio. Si basa in gran parte sull’idea che c’è nell’umanità un impulso ed una spinta al progresso, all’andare avanti, a salire verso vette più alte, a creare un mondo migliore.

Chiunque legga il quotidiano o guardi le notizie in televisione guarderebbe con sospetto a questa idea. Le cose non stanno migliorando. Né lo faranno, almeno non in questo momento storico che precede la venuta del Signore nella gloria.

Il Millennio sarà determinato dal potere del Salvatore ed i malvagi saranno distrutti e mandati nel mondo degli spiriti, dove rimarranno per mille anni.

Quell’era millenaria sarà quindi, secondo Nefi, mantenuta dalla giustizia delle persone a cui è permesso di rimanere sulla terra paradisiaca (1 Nefi 22:15, 26).

Mito N° 4 – I Santi degli Ultimi Giorni saranno le uniche persone sulla terra durante il Millennio.

Questo mito può essere un prodotto del pensiero che le benedizioni del vangelo di Gesù Cristo vengano date solo a coloro che ricevono le ordinanze di salvezza e poi, che vivranno fedelmente le loro alleanze.

Dobbiamo tuttavia tenere presente che la terra del Millennio sarà una terra terrestre e che gli spiriti nobili, i timorati di Dio, vivranno qui in quel periodo durante il quale non ci sarà più dolore, sofferenza, decadenza corporale, morte, inganno e falsità.

Il raduno di Israele – sotto il potente impulso missionario – verrà accelerato oltre ogni cosa che possiamo ora comprendere. Ma il libero arbitrio sarà sempre vivo e vegeto e non tutti sceglieranno le benedizioni della pienezza del Vangelo.

Secondo il presidente Brigham Young “ci saranno tante sette e gruppi, allora come adesso” (Diario dei discorsi 11:275). In un’altra occasione, il presidente Young disse:

“Nel millennio gli uomini avranno il privilegio di essere presbiteriani, metodisti oppure infedeli, ma non potranno trattare il nome ed il carattere della Divinità come hanno fatto finora.

Ogni ginocchio si piegherà ed ogni lingua confesserà alla gloria di Dio Padre, che Gesù è il Cristo” (Diario dei discorsi 12:274).

Mito N° 5 – Dobbiamo avere pazienza e sopportare le afflizioni perché la giustizia arriverà nella nostra vita solo dopo che il Messia verrà ad abitare sulla terra durante il Millennio.

Paziente? Sì. Sopportare le afflizioni? Certo. Alcune cose, infatti, non potranno essere realizzate finché la malvagità e la ribellione spirituale inquineranno il pianeta terra.

Ma ci sono alcune cose su cui non possiamo permetterci di essere pazienti e non dobbiamo sopportare le afflizioni.

Possiamo decidere che noi, come individui e come persone, come ha detto il presidente Spencer W. Kimball alcuni anni fa, “ci siamo soffermati su alcuni altipiani abbastanza a lungo”.

Ha osservato che “le decisioni di base necessarie per andare avanti, devono essere prese dai singoli membri della Chiesa” (Report della Conferenza, Aprile 1979, 114).

Il presidente Kimball ha anche sottolineato che quando Satana viene legato in una casa o nel cuore di un uomo, abbiamo iniziato a prepararci in modo significativo per il Millennio (Insegnamenti di Spencer W. Kimball, Bookcraft, 1982, 172).

Il presidente Gordon B. Hinckley ha anche incaricato i santi di “stare un po’ più in alto, alzare gli occhi ed allargare le nostre menti ad una maggiore comprensione della grande missione millenaria della Chiesa della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni.

Questa è la stagione per essere forti. È tempo di andare avanti senza esitazioni” (Report della Conferenza, Aprile 1995, 95).

Guardiamo al futuro con occhi di fede, con una prospettiva ricevuta dalle Scritture e sostenuta dall’ottimismo dottrinale e dalla letizia evangelica.

La nostra non è una religione di rovina e tristezza, ma piuttosto uno stile di vita che sempre più ci porta verso Colui che chiama:

“Queste cose ti ho detto, affinché in me tu abbia pace. Nel mondo avrete tribolazione, ma state di buon animo: io ho vinto il mondo” (Giovanni 16:33).

In questa verità le nostre anime possono riposare.

Questo articolo è stato originariamente scritto da Robert L. Millet ed è stato pubblicato su ldsliving.com, intitolato 5 Millennium Myths You Thought Were TrueItaliano ©2018 LDS Living, A Division of Deseret Book Company | English ©2018 LDS Living, A Division of Deseret Book Company.