Risate da riunione sacramentale. A volte è il vescovo, un nuovo diacono, una mamma o un bambino senza il controllo del volume della voce. Ad ogni modo, ognuno di noi ha o conosce una storia divertente su qualcosa che è accaduta alla riunione sacramentale.

Abbiamo chiesto ai membri di raccontarci alcune storie divertenti che si sono verificate durante la riunione sacramentale e questi sono i momenti divertenti che le persone hanno condiviso con noi.

  1. Il gusto rinfrescante del Pentimento

riunione sacramentale

Si! Colpisce il posto!

Nel 1999 ho riattivato un piccolo ramo, con una piccola cappella che fungeva anche da sala polivalente. C’era una famiglia in visita, che avrebbe parlato alla riunione sacramentale, e che aveva viaggiato un’ora e mezzo per arrivare alla nostra casa di riunione.

Durante il passaggio dell’acqua, il bambino di quattro anni della famiglia ha preso molto solennemente il bicchiere d’acqua e lo ha bevuto. Poi, ha messo il bicchierino a posto e si è lasciato sfuggire un “aaaaaaaaaaaaah”, molto forte e molto soddisfatto!

E si è asciugato la bocca con il dorso della mano. L’intera congregazione di 60 o più persone è scoppiata a ridere, tra cui la presidenza di ramo.

  1. L’annoiato bimbo di sei anni

bambino-monello

Mentre lo teneva in mano, gli venne un’idea in mente, guardando la sua sorellina.

Ero appena stato chiamato come vescovo e avevo quattro bambini di dieci, otto, sei e quattro anni.

Una domenica, durante il sacramento, il bambino di sei anni, il nostro unico maschio, stava giocando con una spilla a forma di bastone, che portava sul suo piccolo vestito del cappotto, ogni Domenica.

Mentre ci giocava, ha deciso che sarebbe stata una buona idea pungere la sua sorellina di quattro anni.

Così, le ha conficcato la spilla nella gamba, proprio mentre il vassoio dell’acqua stava passando. Il vassoio dell’acqua, i bicchierini e tutto il resto, volarono in aria.

Il diacono che stava passando il sacramento alla mia famiglia, mi guardò e si coprì la bocca, per cercare di nascondere la sua risata. Mia moglie, con la bambina di quattro anni sotto al braccio, mi stava fissando, mortificata.

L’altro braccio cercava freneticamente di afferrare quello di sei. Un orecchio, un dito, un piede, i capelli, qualsiasi cosa.

Quando finalmente lo ha preso, li ho visti dirigersi verso la porta. Poi, ho notato che metà della congregazione mi stava guardando, sorridendo.

  1. Sembra che si ottenga solo un rinnovo parziale del patto

donna-sorpresa

Cosa devo fare con la tazza di acqua dopo aver bevuto l’acqua?

Era la mia prima domenica, dopo essere stata assente per 34 anni. Ero seduta accanto a Marco, che ora è mio marito, durante il passaggio del sacramento. Il passaggio del pane era avvenuto senza incidenti. Poi è arrivata l’acqua.

Ho preso il bicchierino, ho bevuto e, poi, l’ho messo nel posto dove lo avevo preso, senza nemmeno pensarci due volte. Poi, Marco mi ha sussurrato all’orecchio, quello che avevo fatto.

Subito mi sono girata, per correggere il mio errore, ma la donna accanto a me aveva già preso il bicchierino. Non riuscivo a capire se si fosse resa conto, in un primo momento, che non c’era l’acqua dentro, ma lei lo ha preso comunque e, poi, il vassoio è andato avanti.

  1. Sopraffatti dallo Spirito

spirito-santo

Basta… tornare… indietro… alla… partenza.

I dettagli su quanto sia accaduto esattamente, non sono chiari, ma ora so che avevo cinque anni e mezzo di età, ed era una domenica di digiuno, e mio fratello maggiore stava passando il sacramento.

Aveva appena finito il suo percorso e si era di nuovo schierato con gli altri diaconi, sul retro della cappella.

Quando arrivò là, tutto ad un tratto, cadde a terra. Non so se fu preso dallo spirito o semplicemente era svenuto perché aveva fame, visto che era la domenica di digiuno. In entrambi i casi, era a terra, durante il conteggio.

  1. Il mio Spirito ha sete

ragazza-beve-acqua

Probabilmente l’hanno sentita fino alle due prime file.

Ero seduto con mia figlia di cinque anni, nell’ultima fila, a sinistra della cappella, in attesa di ricevere il pane. Quando è arrivato da noi, la mia bambina di cinque anni ha mangiato il suo pezzo di pane e, poi, ad alta voce, ha chiesto:

“Stanno portando l’acqua adesso?! Perché io ho veramente sete!”

Ho notato che il primo consigliere ha fatto tutta la strada, fino al tavolo, cercando visibilmente di non ridere.

  1. Lezione di anatomia durante la riunione sacramentale

bimbo-dottore

Bimbo, mi dispiace, il tempo della condivisione è durante la primaria, non alla riunione sacramentale.

Dopo aver preso l’acqua, mio figlio di 5 anni ha deciso che era tempo di educarmi esattamente su cosa succede all’acqua, una volta passata dalle labbra.

Dal momento che ho sempre cercato di insegnargli i nomi precisi delle parti del suo corpo, è stato abbastanza preciso, così che molta gente riuscisse ad ascoltare.

“Mamma! Io bevo l’acqua e va giù per la gola” ha detto, mentre tracciava il percorso con il dito: “Nel mio stomaco, giù, fino a qui, nel mio ______!”

Ero combattuta tra l’imbarazzo e l’orgoglio, ma ho dovuto confermare che era davvero corretto, prima di ricordargli di mantenere la voce bassa.

  1. Il Dio della domenica benedica il nostro Sacramento

Mio fratello ha sempre avuto una voce da “radio”, da quando aveva circa 16 anni.

Una domenica, prima di iniziare a benedire il sacramento, ho notato il bambino seduto sul banco di fronte a me, incrociare le braccia e iniziare a chinare il capo, ma appena la voce di mio fratello si è fatta sentire, dai microfoni, i suoi occhi si sono aperti e hanno fissato il soffitto con soggezione.

Quando la preghiera è terminata, ha chiesto a gran voce: “Mamma, era Dio ?!”

  1. Il giorno del sacramento era ancora in piedi

mormoni-chiesa

Quando sono diventato diacono, mi è stato dato il via, in modo “semplice”. Purtroppo, quando eravamo tutti in fila, nella parte posteriore, dopo aver completato i nostri itinerari, io ero davanti, in prima linea.

La prima volta che questo è accaduto, mi sono reso conto che non avevo idea di cosa fare dopo.

Sapevo che, ad un certo punto, saremmo dovuti tornare di fronte, a dare i vassoi al sacerdote, ma per tutta la mia vita non ero riuscito a capire come avremmo saputo quando farlo.

Così ho guardato Kyle Barry, presidente del quorum dei diaconi, con la coda dell’occhio. Stava davanti alla linea, sull’altro lato della cappella. Quando ha iniziato a camminare, ho iniziato a camminare.

La cosa è andata avanti, settimana dopo settimana, per circa sei mesi. Ogni settimana, mi è stato assegnato lo stesso posto, e ogni settimana ho fatto tutto ciò che ha fatto Kyle Barry. Poi, con mio grande orrore, la famiglia di Kyle si è trasferita in Arizona.

Mi ricordo che ero terrorizzato, la prima settimana che non c’era. Come facevo a sapere quando andare davanti?

Era arrivato il momento di andare ed ero sicuro che ci saremmo bloccati lì, per sempre. Io non avevo intenzione di fare l’errore di rovinare il sacramento, spostandomi quando non dovevo.

Poi, in quel momento, ho visto (per la prima volta in sei mesi) i sacerdoti nella parte anteriore della stanza, in piedi, e l’altra fila di diaconi ha cominciato ad andare verso di loro. Ero così colpito dall’ovvietà di tutta la cosa, che ho quasi riso ad alta voce.

  1. Andrò e farò ciò che fa Scott Johnson

sacramento-benedizione

Fate quello che sto facendo, seguitemi. Consigli saggi per il canto della primaria, che possono applicarsi anche per distribuire il sacramento.

Era la mia prima domenica come diacono ed ero orgoglioso di distribuire il sacramento, ma preoccupato di rovinare tutto e deludere Dio, la mia famiglia e il profeta.

Sono stato assegnato al lato sinistro della cappella, ma le mie istruzioni erano brevi e non molto chiare. Così ho deciso di seguire Scott Johnson, perché stava passando sul lato destro della cappella.

Sono andato in ogni fila come egli ha fatto, ma poi è uscito nel foyer.

Non ricordavo di doverlo fare, come parte delle mie brevi istruzioni, ma non potevo rischiare di deludere le persone citate in precedenza, non adempiendo correttamente al mio dovere. Così sono andato nel foyer, dalla mia parte.

Quando sono arrivato, il resto del rione aveva appena finito e non ero sicuro di cosa fare, così ho iniziato a distribuire il sacramento a tutti e sono andato su e giù, per il corridoio, nel foyer.

Dopo un paio di minuti, uno degli altri diaconi è uscito fuori, precipitandosi verso di me, nel corridoio. Mi ha detto di tornare nella cappella. Non avrei dovuto essere là fuori.

Avevo sbagliato tutto. Ma non preoccupatevi, questo non mi ha impedito di passare di nuovo, la settimana seguente.

Raccontateci storie divertenti che vi sono successe o che avete visto accadere alla riunione sacramentale!