Su internet girava la voce che “da anni, la gente segnalasse il fatto che l’anziano Robert D. Hales indossava la stessa cravatta ogni volta che parlava alla Conferenza Generale.”

Ma per lo più lo diciamo per definire ciò che segue e per spiegare che conoscere la verità nascosta dietro la cravatta di Anziano Hales significa qualcosa di speciale per noi, a causa del tempo che abbiamo dedicato ad ogni Conferenza Generale a controllare che la indossasse.

Così, con quel pizzico di auto-adulazione, passiamo alla grandezza di questa storia. Il 7 ottobre 2017, il giorno dopo il funerale dell’anziano Hales, l’Anziano Neil L. Andersen ha dato seguito al suo incredibile discorso della Conferenza Generale con un aneddoto sulla cravatta dell’Anziano Hales.

Citando le sue parole:

“Amo Robert Hales. Mentre ieri lo seppellivamo, si è parlato molto della sua incredibile vita – come atleta, pilota di aerei da combattimento, uomo d’affari, marito e padre e, soprattutto, come testimone speciale del Signore Gesù Cristo.

Forse nulla definisce il discepolato più di un uomo (o di una donna) che dimostra gentilezza verso un estraneo e, ancor più, verso un bambino.

Negli anni trascorsi a fianco dell’anziano Hales, l’ho visto aiutare e dare sollievo a così tante persone.

Questa storia del suo “compagno di cravatta” mostra un’amicizia durata sette anni (durante i quali l’anziano Hales ha combattuto per la sua sopravvivenza) con un bambino, che non è stata mai molto diffusa, eccetto che per questa mia pubblicazione.

Nell’aprile del 2010, mentre l’anziano Robert D. Hales parlava durante la Conferenza Generale, Jason, un bimbo di cinque anni, guardandola dalla sua casa di Baltimora, nel Maryland, saltò in alto per l’eccitazione.

L’anziano Hales indossava una cravatta che era la copia perfetta di una che aveva nel suo armadio. Corse al suo armadio, poi sua madre lo aiutò rapidamente ad annodare la cravatta, e posò per una foto con l’anziano Hales alle sue spalle in televisione.

compagni di cravatta

Sei mesi dopo, Jason aspettò pazientemente, indossando la stessa cravatta, finché il nome di anziano Hales fosse chiamato nella Conferenza Generale. Con sua grande gioia, l’anziano Hales apparve di nuovo con la stessa cravatta nera con puntini bianchi.

Nell’aprile 2011, l’anziano Hales non parlò alla Conferenza, e quindi Jason per rallegrarlo gli scrisse e condivise la foto di loro due che indossavano cravatte simili. Così è iniziata un’amicizia con l’anziano Hales che li ha designati come “compagni di cravatta”.

La ferma decisione di indossare quella cravatta ad ogni Conferenza Generale fu presa durante la Conferenza di ottobre del 2011. Egli scrisse a Jason: “Ho indossato quella cravatta solo per te.

È divertente avere un compagno di cravatta “. Così iniziò lo scambio costante di una serie di lettere dopo ogni Conferenza Generale, ciascuno firmato:” Il tuo amico, Anziano Robert D. Hales “.

compagni di cravatta

Mentre Jason cresceva, l’anziano Hales gli parlò non solo di cravatte, ma anche della preparazione per il battesimo e poi del sacerdozio, del tempio e “servizio fedele al tuo Signore e Salvatore”.

Nell’ottobre 2013, l’anziano Hales usò Jason nel suo discorso alla Conferenza insegnando l’importanza di indossare “l’intera armatura di Dio”. Egli spesso includeva il suo motto: “Ritorna con onore”.

l'armatura di Dio

Nel 2013, Jason fu finalmente in grado di incontrare l’anziano Hales di persona. Ciò consolidò l’amicizia e la decisione dell’anziano Hales di indossare la sua cravatta nera con puntini bianchi per tutti i suoi futuri discorsi alla Conferenza Generale.

Come atto di generosità verso l’amico, l’Anziano Hales dichiarò di voler donargli la sua cravatta nera con i puntini bianchi, il giorno in cui avrebbe parlato per l’ultima volta alla Conferenza Generale, dicendo a Jason che si aspettava da lui, che la indossasse durante la riunione sacramentale prima di partire per la missione nel 2023.

compagni di cravatta

Giovedì sera, mentre io, Kathy e le Autorità Generali ci siamo avvicinati per esprimere le nostre condoglianze a sorella Mary Hales, anche lei stava pensando ad altri. Chiese: “Anziano Andersen, ho una scatola a casa che contiene una cravatta molto speciale. Potresti aiutarmi a darla a Jason? “

Vi siete commossi?

Compagni di cravatta!

Che storia spettacolare di discepolato e di amore – prendersi cura del singolo.

Qui abbiamo un apostolo che nonostante avesse un’agenda probabilmente fitta di impegni e una salute cagionevole, dedicò del tempo per fare amicizia e guidare un ragazzino che è stato attratto da lui da qualcosa di assolutamente banale come una cravatta.

Immaginate il profondo effetto che questa relazione ha avuto su questo giovane uomo, ancora troppo giovane per servire una missione.

Come ha affermato l’Anziano Andersen, l’Anziano Hales terminava spesso i suoi messaggi con la frase “Ritorna con onore”. Il ritorno è stato un grande tema del suo ministero, tanto che ha scritto un libro sull’argomento intitolato:

“Quattro fasi del nostro viaggio mortale verso casa “: decenni di preparazione, decenni di decisioni, decenni di servizio e andare avanti e decenni di servizio e perseveranza fino alla fine.

Quale potente messaggio da mandare al giovane Jason, letteralmente volendo il suo legame con il ragazzo. Quando andrà in missione, il futuro anziano Jason prenderà indubbiamente quella cravatta con lui e ricorderà il Testimone Speciale di Cristo che gliel’ha data. Tornerà con onore.

Nel condividere questo, l’anziano Andersen ci ha aiutato a completare il cerchio su qualcosa che inizialmente ci ha divertito dai nostri anni a continuare la “caccia alla cravatta” ad ogni Conferenza Generale, ma siamo contenti di vedere che c’era qualcosa di più dietro, che non era solo una “cravatta portafortuna” o un tentativo di semplificazione di Zuckerberg.

Tutto ciò è semplicemente meraviglioso, grazie a questa storia ora uno dei nostri ultimi ricordi dell’anziano Hales è legato ad una cravatta che ha assunto un certo valore e ha cambiato senza dubbio la vita di un giovane ragazzo del Maryland.

Dopo tutto è “mediante cose piccole e semplici si avverano grandi cose”. (Alma 37:6)

Questo articolo è stato scritto da Geoff Openshaw ed è stato pubblicato su thisweekinmormons.com. Questo articolo è stato tradotto da Nadia Manzaro.

(Visited 128 times, 1 visits today)