Domenica, 13 agosto 1961, la città di Berlino si svegliò per scoprire che un recinto di filo spinato era stato alzato durante la notte, dividendo Berlino Est da Berlino Ovest.

Prima, solo il filo spinato impediva alle persone di entrare o lasciare Berlino Est controllata dai Sovietici. Dopo arrivarono il muro di cemento con le torri di guardia, filo spinato, cani e fucili. Lentamente, un poco alla volta la separazione fu completa. Una città, un tempo unita, fu separata.

Quello che iniziò come una città, divenne due culture diverse e distinte mentre quelli rinchiusi nella Berlino Est furono privati dei loro diritti, uno alla volta, con la minaccia di morte sempre presente per tenerli in riga.

Quando ero bambina, ero amica di tutti. Quale bimba estroversa e molto chiacchierona, parlavo con chiunque mi desse ascolto e chiunque ascoltava diventava nella mia mente il mio nuovo miglior amico.

Dopo tutto, se parliamo insieme, ti piaccio e tu piaci a me, quindi ora siamo diventati amici, giusto? In prima elementare, imparai che i bambini sono DIVERSI dalle bambine. I bambini hanno i pidocchi. I bambini sono disgustosi. Improvvisamente, tutte le mie amicizie erano femminili, solo femminili.

Quando ero una bambina ero amica di tutti

In quinta elementare, imparai che non tutte le bambine erano mie amiche. Ad alcune ragazzine piaceva sedersi e parlare di ragazzini e vestiti. A queste ragazzine non piacevo perché io amavo correre e chiacchierare all’infinito e fare altro.

Ho imparato che ero diversa. Ero un “maschiaccio”.. e ciò significava che non ero la benvenuta tra le ragazzine.

Anche se i ragazzi mi facevano correre e giocare a calcio con loro, non ero un ragazzo, anche se facevo finta di esserlo. Fortunatamente, c’erano diversi tra noi che non si sentivano integrati nel gruppo, così non mi sentivo sola.

Gli adolescenti desiderano appartenere a un gruppo

Gli anni delle scuole medie e superiori sono il periodo in cui nessuno sente un senso di appartenenza ed accettazione. Persino coloro che appartengono ai gruppi più popolari trascorrono la maggior parte del loro tempo sforzandosi di integrarsi, preoccupandosi costantemente di trovarsi “fuori” dal gruppo.

Da adulta, ho imparato a discernere chi posso permettere di conoscere il mio “vero” me. In fondo, sono ancora la bambina che pensa che tutti siano miei amici.

Non importa quante volte succede, rimango ancora molto ferita quando qualcuno è sgarbato con me solo perché loro possono esserlo. Sono ancora un po’ sorpresa che non tutti vogliono essere miei amici.

Attraverso le esperienze della vita so che 9 volte su 10, quando qualcuno è scortese, è a causa delle proprie questioni; tuttavia, il male è ancora lì. Quando soffro, devo ancora convincere me stessa che ci sono alcune persone che sembrano non sentirsi colpevoli della loro cattiveria gratuita verso tutti quelli che vedono diversi.

Siamo adulti. Perché così tanti fra noi non sono abbastanza maturi per accettare le differenze?

A Berlino Est, le persone sono state costantemente bombardate da messaggi, in cui si affermava che quelli diversi costituiscono delle minacce. Accendete la televisione.

Guardate qualsiasi tipo di media. Ogni singolo messaggio che riceviamo ci dice che dobbiamo adattarci a un gruppo.

Sei un robusto avventuriero? Allora dovresti vestirti in un certo modo, fare acquisti in alcuni negozi, seguire determinati outlet sociali e fare una certa dieta. Solo facendo queste cose puoi proclamare la tua scelta individuale di appartenere a questo gruppo!

I giocatori di calcio si vestono in un certo modo

Sei un uomo o una donna nera? Allora dovresti vestirti in un certo modo, fare acquisti in alcuni negozi, seguire determinati outlet sociali e fare una certa dieta. Solo facendo queste cose puoi proclamare la tua scelta individuale di appartenere a questo gruppo!

Sei una madre bianca suburbana casalinga? Allora dovresti vestirti in un certo modo, fare acquisti in alcuni negozi, seguire determinati outlet sociali e fare una certa dieta. Solo facendo queste cose puoi proclamare la tua scelta individuale di appartenere a questo gruppo!

Scegliete il vostro gruppo, ci sono molte scelte, ma dovete scegliere un gruppo a cui appartenere. Il gruppo dei Millennial? Quello dei Sovrintendenti esecutivi? I cowboy? Gli aspiranti blogger?

Dopo aver scelto, dovete conformarvi all’immagine di quel gruppo: compresi il modo di vestirsi, i posti dove fare acquisti, ciò che si mangia e quali media avere in mente.

Quelli al potere nella Berlino est ci controllavano da ogni muro molto visibile e con metodi molto visibili. Tuttavia, siamo altrettanto controllati e divisi se autorizziamo qualcun altro a dettarci come dovremmo agire e scegliere, e persino pensare.

Se tutti a Berlino est avessero abbandonato la paura e si fossero opposti a coloro che dominavano la loro vita, ci sarebbe stato un prezzo elevato da pagare, ma alla fine avrebbero vinto.

La caduta del muro di Berlino

muro di berlinoE alla fine, quando il popolo di Berlino est ha maturato consapevolezza in se stesso, ha abbattuto la parete divisoria. È stato necessario l’aiuto di quelli dell’altra parte, ma quel muro è stato abbattuto.

Il 9 novembre 1989, ho guardato come il popolo di Berlino est strappava i pezzi del muro a mano e felicemente saliva in cima al muro sgretolato per lanciare bandiere con lacrime di gioia che scendevano lungo le guance. Ci sono voluti quasi tre decenni, ma quel muro è stato abbattuto.

Quanti decenni ci vorranno per abbattere i muri invisibili che ci dividono l’uno dall’altro? Quante generazioni dei nostri bambini piangeranno lacrime di dolore, dolore inflitto da qualcuno che non può accettare qualcosa di diverso da se stessi?

Non si tratta solo di razza o religione. Permettetemi di condividere alcune osservazioni.

Ho visto individui di altre razze abbandonati a se stessi e non abbracciati completamente nella mia religione tutta la mia vita. Ricordate, sono cresciuta vivendo in tutto il mondo e sperimentando diversi sapori della mia Chiesa.

Coloro che sono neri sono amici e si frequentano con coloro che sono neri. Quelli di origine indiana fanno lo stesso. L’ho visto in Europa. L’ho visto in America. Ho visto anche delle eccezioni, dove gli individui superano le divisioni invisibili, ma sono l’eccezione, non la regola.

Ho visto individui di diverso stato economico lasciati a se stessi e non abbracciati completamente nella mia religione tutta la mia vita.

È vero, gli individui aiutano qualcuno in difficoltà, ma quando ciò rientra in un progetto di servizio perché li fa sentire meglio, non perché vedono la persona più povera come un loro pari, come un amico. Ancora una volta, ci sono eccezioni, ma sono un eccezione.

I nostri figli potrebbero pagare il prezzo del nostro silenzio

Ho guardato individui con esigenze particolari essere messi in fuga in questo stesso modo.

Ora sto vedendo cunei ancora più grandi insinuati tra i nostri figli in primaria, dato che i genitori organizzano incontri con bambini in privato, dove sono invitati solo i bambini che credono possano aiutarli socialmente.

Se noi come genitori, non insegniamo ai nostri figli di invitare TUTTI nella loro cerchia di amici, chi lo farà?

Se noi, discepoli di Cristo, non riconosciamo questi muri invisibili, chi li abbatterà per i nostri figli?

Satana ci sta separando, come se avesse costruito un muro nel centro della nostra città. Non dobbiamo permettere che la paura ci impedisca di demolirlo… se non lo faremo, i nostri figli pagheranno il prezzo del nostro silenzio.

Questo articolo è stato scritto da Elizabeth Latey e pubblicato su ldsblogs.com. Questo articolo è stato tradotto da Nadia Manzaro.

(Visited 40 times, 1 visits today)