Come un avvocato anti-mormone è diventato membro della Chiesa da lui criticata. “È uno scherzo?” si domandò Steve “Dusty” Smith, sorpreso e confuso mentre una donna al telefono gli stava dicendo che il presidente Dieter F. Uchtdorf, secondo consigliere della Prima Presidenza, voleva parlare con lui.

Ma una volta che sentì la voce distinta e il tipico accento tedesco dall’altra parte del telefono, Smith seppe che non era uno scherzo. Stava parlando con un Apostolo, ed il presidente Uchtdorf aveva solo una richiesta da fare a Smith: raccontargli la sua storia.

Smith fece una breve panoramica dell’ultimo trimestre della sua vita: del suo inatteso viaggio alla ricerca della Chiesa, della perdita della sua testimonianza, di come aveva combattuto attivamente contro la Chiesa e infine di come si era riconvertito nuovamente al vangelo.

Una volta terminata la sua storia, il presidente Uchtdorf gli chiese: “Questa è tutta la storia?” Smith ricorda di aver detto “No signore. Questa è la versione condensata. Io so che sei un uomo impegnato. “E lui disse: ‘Voglio sentire tutta la tua storia’”.

Trovare il Vangelo

Con un nonno cattolico, una nonna battista ed una madre luterana, Dusty Smith non poteva fare a meno di credere in Dio. Tuttavia, crescere frequentando tre chiese che predicavano credenze significativamente diverse, aveva confuso Smith su chi fosse veramente Dio.

Ma Smith nutriva la sua fede, pregando, studiando e frequentando la chiesa fino a quando un giorno, nel 1980, ricevette una telefonata da un caro amico che gli disse che una bambina di 13 anni che conosceva bene, tornando a casa correndo da scuola, non rendendosi conto che la porta di vetro posteriore non fosse aperta, attraversò il pannello e un pezzo di vetro le trafisse il collo, uccidendola.

“Non posso esprimere quanto fossi arrabbiato con Dio” dice Smith. “Non ho smesso di credere in Lui, anche se ero veramente arrabbiato. Trentasei anni dopo pensando a quella bambina verso ancora lacrime. Vedo ancora quella bambina.”

Smith non riusciva a capire come una “ragazza bella ed intelligente con tutto il mondo davanti a lei” fosse morta e gli assassini di massa come Ted Bundy avrebbero potuto essere ancora vivi. Smith smise di pregare. Smise di leggere. Smise di frequentare la Chiesa. Ma non poteva smettere di credere.

Tre anni dopo, Smith scoprì qualcosa che rinnovò la sua speranza in Dio.

Dopo essersi laureato presso l’Università del Texas, Smith visitò i suoi genitori e un giorno, mentre era a casa, cercò qualcosa da leggere per passare il tempo.

Ad un certo punto, dallo scaffale della sua stanza, cadde un libro che non aveva mai visto prima: il Libro di Mormon. Più tardi scoprì che era stato dato a sua madre mentre era in viaggio a Salt Lake City, e l’aveva conservato intatto nella sua stanza.

“Mi capitò di aprire il libro a 3 Nefi 11 e di leggere della visita di Gesù Cristo alle Americhe e pensai, “Fantastico, come ha fatto visita qui? Avrebbe senso”, dice Smith.

stato dei mormoneSmith rimase così colpito da quello che aveva letto che andò direttamente nella rubrica per cercare la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. “Erano elencati i rioni e i pali.

Questo non significava niente per me, ma era l’ora di pranzo, quindi chiamai il palo “, ricorda Smith sorridendo.

Il presidente di palo, che era passato brevemente nel suo ufficio per prendere qualcosa che aveva dimenticato, era appena arrivato per rispondere alla chiamata di Smith e lo mise in contatto con i missionari.

Immediatamente, gli insegnamenti del Vangelo risuonarono familiari a Smith, e risposero alle domande che aveva fin dall’infanzia, persino spiegando i sogni.

“Quando ero un bambino ed andavo alla scuola elementare, feci  questo sogno ricorrente ogni notte per un anno. Tre persone che nella mia mente sapevo che erano Pietro, Giacomo e Giovanni erano in cielo e stavano andando via”, dice Smith.

Mentre le tre figure si allontanavano, le nuvole si divisero e una scala scese dai cieli, arrivando sulla terra. Poi si sentiva una voce, parlare agli uomini, che annuivano e la scala cominciò a scendere.

“Non ho mai capito quel sogno fino a quando non ho letto del sacerdozio Melchisedek e di come Pietro, Giacomo e Giovanni siano scesi sulla terra e l’abbiano restaurato”, dice Smith. Improvvisamente, la natura di Dio, il piano di salvezza, lo scopo di Smith sulla terra, tutto aveva un senso.

Il battesimo e la perdita della fede

Nell’aprile 1983 i missionari battezzarono Smith quale membro della Chiesa, ma questo nuovo capitolo della sua vita non è avvenuto senza sacrificio.

“Ho rinunciato a tanto per diventare membro della Chiesa. La ragazza che frequentavo da due anni mi lasciò”, riporta Smith. “La mia famiglia mi ha rinnegato…..Il nostro rapporto ne ha risentito”.

Ma la testimonianza del vangelo di Smith era sufficiente per confermare che questa era la scelta giusta.

Quando aveva circa 25 anni, Smith non aveva intenzione di servire una missione, non aveva soldi, ma era fidanzato ed ambiva a  diventare avvocato.

Ma un giorno nel 1984, mentre era seduto durante la sacramentale, Smith ricorda: “Ho sentito una presenza, una sensazione è venuta su di me e mi ha detto: “Devi andare in missione”. Così ho rinunciato al mio lavoro, ho lasciato la mia fidanzata, e ho servito una missione”.

Ma Smith rischiò di tornare dalla sua missione prima che iniziasse. “Quando ero all’ MTC, la mia famiglia era contro di me. La mia fidanzata era contro di me.

Mi sentivo solo. Così andai ad una cabina telefonica e chiamai la sede della Chiesa…. Dissi alla signora che rispose: “Se nessuno si preoccupa di me come missionario, posso tornare a casa.

Nessuno si preoccupa che sono qui.” Disse: “Puoi aspettare un secondo per favore?” Pochi minuti dopo, sentii una voce, una voce baritonale dire: “Anziano, mi chiamo L. Tom Perry. Se nessun altro si preoccupa di lei, lo faccio. Diventiamo amici di penna”.

L’anziano Perry gli scrisse per tutto il periodo della missione e le sue lettere di incoraggiamento sono state davvero di aiuto.

Mentre era un missionario in Honduras, la fidanzata di Smith si sposò con un altro uomo ed i suoi genitori si separarono.

“È stato allucinante. Ascoltare una lettera vocale registrata su audiocassetta. Le registrazioni delle voci sono state fatte a distanza di qualche settimana l’una dall’altra, ma quando si ascoltano passano solo pochi secondi.

Così mentre ascoltavo la lettera i miei genitori dicevano, ‘Beh, oggi è un grande giorno, figlio. Il tempo è fantastico. Noi stiamo benissimo. Ci aggiorniamo tra un paio di giorni.” poi dopo un click.

“Figlio, stiamo divorziando”. Smith terminò con onore la missione, nonostante queste sfide, e le cose migliorarono quando tornò a casa.

Frequentò e sposò una donna che aveva incontrato in missione, iniziò a frequentare a tempo pieno la Western Michigan University Cooley Law School ed iniziò un lavoro a tempo pieno per pagarsi gli studi – un fatto inaudito per gli studenti di legge che seguivano programmi rigorosi.

Fu durante questo periodo che Smith partecipò alla parata annuale presso la Hill Cumorah a Palmyra, New York. “C’erano molti contestatori anti-mormoni”, ricorda Smith. “E discussi con loro. Ero al mio terzo anno di scuola di diritto.

Sono tornato a casa con l’idea di diventare il Mormone più intelligente in modo da poter discutere con queste persone e dimostrare che si sbagliavano. Ma più studiai, più scoprii cose che non credevo e non avevo mai sentito prima. ”

Gradualmente, Smith discese in una spirale di letteratura e di disillusione anti-mormone, provò rabbia verso quella fede per cui aveva sacrificato la sua famiglia, la sua fidanzata e due anni della sua vita. Smith ricorda tristemente il giorno esatto, l’11 novembre 1989, quando perse la sua testimonianza della Chiesa.

La lotta contro la Chiesa

conoscere gesùSmith non solo smise di frequentare la Chiesa, chiese che il suo nome venisse rimosso dai registri e iniziò a lottare attivamente contro la Chiesa che aveva tanto amato una volta, diventandosi un anti-mormone:

“Dal 1989 iniziai a combattere contro la Chiesa. Odiavo la Chiesa. Mi sentivo ingannato. Aveva diviso la mia famiglia. Mi era costata tanto. “

Smith si unì a numerosi forum di dibattiti online anti-mormone, usando le sue competenze di avvocato per demolire le credenze mormoni.

Insegnò lezioni in altre chiese per dimostrare perché la Chiesa di Gesù Cristo fosse falsa e ingannevole. “Dichiarai molto chiaramente di essere anti-mormone”, dice Smith.

Anche se era un anti-mormone molto attivo, tuttavia, Smith non perse completamente i contatti con la Chiesa.

Durante un dibattito Smith incontrò un amico, un mormone chiamato Mike. Nonostante avessero discusso l’un contro l’altro, i due divennero amici. “Mike ripeteva: “un giorno tornerai ad essere un membro della Chiesa di Gesù Cristo”, ricorda Smith.

L’insistenza di Mike non solo sembrava impossibile, ma folle. Tuttavia, Mike non rinunciò a Smith. “Ogni settimana, ogni settimana dal 1999 in poi, mise il mio nome nel tempio”, ricorda Smith.

Nel 2005, l’odio profondo che Smith sentiva per la Chiesa cominciò a diminuire. “Iniziai a sentire che il Signore mi stava chiamando”, disse. Ma dopo aver frequentato la chiesa qualche volta, Smith sentiva ancora di non poter appartenere alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, se sentiva ancora un anti-mormone.

Non poteva ricevere una testimonianza di quelle cose che una volta sapeva essere vere e ancora sentiva il dolore che l’essere membro della Chiesa aveva causato nella sua vita. Ma non poteva neanche eliminare la Chiesa dalla sua vita.

Nel 2009, mentre era terribilmente malato dell’influenza suina, il figlio di Smith fece entrare in casa due missionari della Chiesa di Gesù Cristo, che avevano bussato alla porta.

Anche se Smith disse che erano indesiderati, gli anziani offrirono di dare a Smith una benedizione. All’epoca, la pandemia dell’influenza suina aveva terrorizzato persone intorno alla nazione.

Infatti, i medici di Smith si rifiutarono di visitarlo quando vennero a conoscenza dei suoi sintomi. Ma ecco, quei due giovani stranieri disposti ad amarlo, disposti a benedirlo, disposti a provare a guarirlo: toccarono qualcosa dentro di sé. Smith accettò.

“Mi hanno dato una benedizione. Sono stato guarito proprio allora “, dice Smith. “Sono uscito dal letto e li ho accompagnati lungo le scale”.

Dopo la benedizione, Smith provò di nuovo a frequentare la Chiesa e parlò anche con il presidente di palo. Ma quando Smith scoprì che doveva subire un consiglio di disciplina della chiesa prima di essere battezzato, si allontanò.

“Ma il richiamo di tornare non sparì “, dice Smith.

Trovare di nuovo una testimonianza

battesimo mormoneDurante quegli anni, Smith e la sua prima moglie divorziarono. Nel 2014, tuttavia, Smith era felicemente cattolico, viveva felicemente in un quartiere storico di Dallas, ed era felicemente risposato.

Tuttavia c’erano dei cambiamenti in vista, dato che a sua moglie, Susan, era stata offerta una promozione a Baltimora, se avesse superato un esame.

Con Smith che lavorava come avvocato gestionale nel Texas, la prospettiva di una promozione che avrebbe portato la moglie così lontano, non era tanto allettante.

Smith chiamò il suo buon amico Mike, chiedendogli di pregare per loro e di mettere il nome di Susan nel tempio.

E poi scherzando aggiunse: “Tuttavia, Mike, se Dio vuole veramente che ritorno ad essere mormone, la manderà a Salt Lake”.

Continuò, “Non c’era una posizione aperta a Salt Lake, quindi mi sentii abbastanza a mio agio nel dire questo.

Ma il giorno successivo, una persona che lavorava a Salt Lake andò in pensione e la documentazione di mia moglie venne trasferita da Baltimora a Salt Lake e venne assunta senza sostenere alcuna verifica.

Chiamò Mike e disse: “Tu non ci crederai mai. Susan sta andando a Salt Lake!” E Mike rispose: “Beh, sai quello che hai detto a Dio.” Quando Smith spiegò che stava solo scherzando, Mike mormorò: “Ma Dio no”.

Dopo questo scambio, Smith fu scosso e si risvegliò in lui la possibilità di tornare in Chiesa. “Mi sono inginocchiato e ho detto: ‘Okay Dio. Vuoi che sia di nuovo mormone? Bene, ma devi fare la tua parte.

Non ho una testimonianza e ho bisogno di risposte alle mie domande “, dice Smith. “E nei giorni successivi”, continua, “mi svegliavo nel bel mezzo della notte con una risposta, ogni singola notte.

“Una delle mie problematiche è stata la ragione per cui non c’è alcuna prova archeologica del Libro di Mormon. Ma una notte, Dio mi ha detto: “Il fatto che si può camminare per le strade di Gerusalemme rende la Bibbia vera?”

E io dissi: “No.” Disse: “Ma che cosa succederebbe se qualcuno dovesse scoprire un cartello domani con su scritto” Benvenuti a Zarahemla, 420 abitanti. “Che cosa farebbe al Libro di Mormon?” E io dissi: “Allora sarebbe vero.” Ma Egli disse: “Allora dove sarebbe la tua fede?” ”

Però, Smith aveva altre domande sulla vita di Joseph Smith, la ricerca del tesoro, la poligamia ed altri temi difficili nella storia della Chiesa.

Dio ha anche affrontato questi, dice Smith. Una notte, Dio disse: “Okay, signor Procuratore, se sei così intelligente, chi sceglieresti come profeta? Tu che non credi in niente? O un medico che ha bisogno di prove?

Ho scelto un ragazzo che potesse accettare l’impossibile, che potesse sognare l’inimmaginabile. Questo è il tipo di persona che era necessaria per poter accettare e credere alle visioni che vedeva e agire in base alle voci che stava ascoltando. Tu l’avresti fatto? Sono ventisei anni che stai combattendo “.

Queste risposte resero umile Smith, e gli aprirono gli occhi sul fatto che, non importa quanto cercasse, ricercasse e discutesse su internet, le risposte provenivano solo dal suo Padre celeste, lui ha cominciato il suo precorso da anti-mormone a mormone.

Una ad una le sue domande trovarono risposta, finchè il 16 marzo 2015, Smith si svegliò con la sua testimonianza viva e forte.

“Nella mia mente ho potuto vedere il Signore e Lui si avvicina a me per dirmi:” Okay, ho mantenuto la tua testimonianza calda e sicura. Ora tocca a te prendertene cura “, ricorda Smith, rivedendo il Signore racchiudere la sua testimonianza tra le mani e poi posizionarla sul cuore di Smith.

“La teneva come una cosa vivente quando me l’aveva restituita. Ed ho capito che è una cosa vivente e se non la nutri, se non la coltivi e non la curi, morirà “.

Smith tornò dallo stesso presidente di palo che aveva conosciuto nel 2009, chiedendo di essere ribattezzato. “Ma questa volta era diverso, perché avevo riavuto la mia testimonianza, ed ero disposto a fare tutto ciò che era necessario”, dice Smith. “È bello quando sai che devi affrontare il tribunale della chiesa, ma tutti stanno tifando per te”.

Meno di una settimana dopo il tribunale della Chiesa, Smith fu nuovamente battezzato come membro della Chiesa.

Incontro con il presidente Uchtdorf

dirigente mormonePrima del suo battesimo, quando era in visita da sua moglie a Salt Lake per la conferenza generale e per il fine settimana di Pasqua, Smith aveva ricevuto una forte impressione di trasferirsi a Salt Lake.

L’unico problema era che Susan era nata e cresciuta in Texas, e Smith non sapeva come avrebbe potuto reagire alla notizia.

Quando Smith affrontò l’argomento, Susan ammise: “Non sapevo come dirtelo, ma voglio vivere qui da ora in poi. Non voglio tornare nel Texas.

“Ma c’era solo un problema: la loro casa storica, costruita nel 1929, era praticamente invendibile – piena di problemi alle fondamenta e quasi tutti gli altri problemi che potete immaginare.

Susan, indomita, rispose: “Pensiamo a qualcosa. Se il Signore ti vuole qui, succederà qualcosa».

Poco dopo qualcuno bussò alla porta. Un completo sconosciuto offrì di comprare la casa per un prezzo superiore al suo valore. Anche dopo che Smith spiegò i problemi delle fondamenta, l’uomo insistette sull’acquisto della casa.

Tuttavia, in un recente viaggio a Dallas, Smith tornando alla sua vecchia casa, ha scoperto che l’acquirente della casa era scomparso e la casa era in pignoramento. Per i coniugi Smith, era un segno e un miracolo.

“Quando il Signore ti vuole da qualche parte, ti vuole proprio li”, afferma Smith. Nel 2016 Smith ricevette la telefonata dal presidente Dieter F. Uchtdorf ed un invito a incontrare l’apostolo in persona.

Da anti-mormone a mormone

Durante il loro incontro, il presidente Uchtdorf chiese a Smith se potesse raccontare la sua storia nella sessione del sacerdozio della conferenza generale dell’ottobre 2016.

Nel suo discorso intitolato “Imparare da Alma e Amulek“, il presidente Uchtdorf ha dichiarato, “sono stato toccato dal percorso interiore di un fratello che si è domandato:” Quando il Signore chiamerà, presterò ascolto? “, Chiamerò questo bravo fratello David.

Dopo aver raccontato la notevole storia di riconversione di Smith, ha aggiunto: “Sono felice di comunicarvi che la scorsa estate, sono state restaurate le benedizioni di David .

Partecipa di nuovo appieno nella Chiesa e serve come insegnante di dottrina evangelica nel suo rione. Per riparare ai danni che ha causato, coglie ogni opportunità possibile di parlare agli altri della sua trasformazione e di portare la propria testimonianza del vangelo e della Chiesa di Gesù Cristo “.

Poco dopo aver condiviso questa incredibile storia, il presidente Uchtdorf, ordinò Smith sommo sacerdote. Prima dell’ordinazione, chiese se potesse parlare con Smith e sua moglie.

Mentre Smith si aspettava una qualche forma di guida apostolica, fu sorpreso quando il presidente Uchtdorf dedicò 30 minuti per parlare con Susan, che non era membro della Chiesa. ” Le disse: “Porta quello che hai, e vedremo quello che possiamo aggiungere.

So che tuo marito vuole essere suggellato a te. Terremo un posto per voi nel tempio “, ricorda Smith. “La sera seguente, mia moglie disse, “sono pronta per i colloqui.” Il 23 settembre 2017, Susan fu battezzata membro della Chiesa ricevendo una lettera di congratulazioni personale del presidente Dieter F. Uchtdorf.

Ispirando gli altri

Dusty Smith e sua moglieLa storia di Smith ha ispirato decine di persone vicine a lui, ed ha toccato migliaia in tutto il mondo in modi inimmaginabili.

Il giorno dopo che il presidente Uchtdorf raccontò la storia di Smith sul pulpito, Smith passò davanti ad una famiglia in Piazza del Tempio che stava discutendo animatamente del discorso.

“Un vecchio signore, suppongo che fosse il padre, diceva: ‘Avete sentito parlare il presidente Uchtdorf. Chiunque può tornare in Chiesa, anche se è trascorso molto tempo o sia diventato un anti-mormone.

C’è ancora speranza; c’è ancora la preghiera. Succede.’ E il giovane disse: ‘Come facciamo a sapere che non si sia inventato quella storia?” Smith si fermò e interruppe la conversazione presentandosi: “Non l’ha fatto,” ha spiegato. “Sono io l’uomo di cui ha parlato.”

Anche prima della conferenza generale del sacerdozio di ottobre 2016, la storia di Smith era riuscita a raggiungere coloro che avevano bisogno di ascoltarla.

Il primo aprile del 2016, Smith aveva ricevuto una chiamata da una missionaria, che gli domandò se si fosse appena registrato al sito mormon.org chiedendo risposte alle sue domande. Smith era fuori città ed il suo portatile era a centinaia di chilometri di distanza. Non era possibile che si fosse registrato.

Ma la sorella continuò a insistere affermando di vedere che Smith si era registrato e aveva chiesto di parlare con i missionari. Poteva citare tutte le sue informazioni. Poteva vedere la conversazione. Ma ancora, Smith non ne sapeva nulla.

Confusa e un po’ sconcertata, la sorella missionaria chiese se Smith conoscesse la Chiesa. “Ho detto,” beh, lasciatemi dire una piccola storia”, dice Smith. “Le ho raccontato la mia storia ed ha cominciato a piangere.

Disse: “Io sono all’ MTC. Stavo pensando di lasciare la mia missione. Stavo avendo problemi con la mia testimonianza. La tua storia ha rafforzato la mia testimonianza. Continuerò la mia missione “.

All’inizio di quest’anno, in occasione di uno spettacolo di armi, Smith ebbe una conversazione con un altro Texano sul loro paese di origine, quando  ad un certo punto la discussione si rivolse sulla Chiesa.

Smith disse all’uomo, scherzando: “Sono un membro della Chiesa. Infatti, se hai ascoltato il discorso del presidente Uchtdorf, hai sentito parlare di me. ”

L’uomo si fermò, diventando serio e tranquillo. Prese Smith in disparte, spiegando che era stato sul punto di lasciare la Chiesa, quando sentì quello stesso discorso e si ri-impegnò a rimanere nella Chiesa e vivere il vangelo.

Mentre i due continuarono a parlare di più della loro vita e delle loro origini, il giovane si rese conto che conosceva già Dusty Smith. Lo aveva conosciuto nel 2009, dopo aver bussato alla sua porta e curandolo con una benedizione. E così i miracoli continuano.

Condividere la Sua Storia

famiglia mormone“Nel novembre del 2014 ero felice di vivere in Texas come avvocato, felice di vivere in un quartiere storico, felicemente cattolico e dichiaratamente anti-mormone. Due anni dopo vivo a Salt Lake, in un appartamento.

Non solo sono un membro della Chiesa che ho denigrato, si è parlato di me nella conferenza generale e poi sono stato ordinato sommo sacerdote da un apostolo.

Se si prende in considerazione questi due anni, tutto è così folle. È assolutamente folle”, dice Smith

Molti che hanno sentito la sua storia desiderano poter vivere anche solo uno dei miracoli che hanno riempito la vita di Smith. La sua risposta?

“Probabilmente ci sono. Semplicemente non li vedi. A volte il Signore aprirà le acque, a volte farà tremare la terra, a volte curerà i malati, a volte solleverà i morti, ma a volte, sussurra “.

Dopo la sua riconversione alla Chiesa, Smith si è sentito costretto di diffondere la sua storia e la propria testimonianza attraverso le conversazioni, scrivendo, attraverso i discorsi e perfino le serate caminetto.

“Voglio che la gente sappia che Dio li ama, che c’è speranza e che anche quando le persone hanno girato le spalle alla Chiesa c’è speranza che tornino”, dice Smith.

“Coloro che hanno delle persone care che sono uscite dalla Chiesa oppure che sono diventate anti-mormone, possono guardare la mia storia e rendersi conto che non dovreste mai rinunciare.

Il mio amico Mike non ha mai rinunciato. Pensateci. Dal 1999 al 2015, ogni settimana ha messo il mio nome nel tempio.

“Voglio che la gente sappia che Dio ci ama e che Lui ci conosce individualmente e profondamente. Lui ci conosce e ci aspetta. Non rinuncia a noi nemmeno quando ci arrendiamo o dievntiamo anti-mormone”.

Suggerimenti per coloro che dubitano

“Il presidente Uchtdorf ha affermato: “Dubitate i vostri dubbi prima di dubitare la vostra fede”, dice Smith.

Quando sorgono questioni di fede e cominciano a suscitare dubbi, Smith sa per esperienza quando sia necessario “tornare alle basi”. Egli continua: “Potreste essere travolti da cose superficiali.

Potreste rimanerci male per alcune cose dette dai dirigenti della Chiesa o dai membri. Sì, quelle cose possono influenzarvi, ma non dovrebbero. ”

Con Internet e tanta conoscenza a portata di mano, Smith sa che la nostra fede verrà messa alla prova. Ma ricorda ai membri che molto di quello che leggiamo è estratto dal contesto, soprattutto quando si considera la storia della Chiesa, scritta in un “momento diverso”. Ho deciso che non sarei mai tornato ad essere un anti-mormone.

Mentre Smith riconosce che membri e dirigenti all’interno della Chiesa sono umani e commettono errori, sa che quelle debolezze non riducono le opere di Dio. “Mosè disobbedì, Giona disobbedì, Pietro disobbedì”, dice.

“Il disobbedire non ti rende meno di quello che sei chiamato ad essere. Significa che devi pentirti.  Non dovremmo aspettarci dalle persone che facciano cose che noi stessi noi siamo disposti a fare”.

Ma anche con tutte le informazioni, argomentazioni o domande che possono entrare nelle nostre menti, Smith dice di aver scelto di credere.

“Non ho avuto dubbi dal momento che sono stato battezzato. Non mi sono lasciato influenzare.

Scegliamo così tanto quello che sentiamo, facciamo, agiamo e crediamo. . . . Ogni giorno mi sveglio grato di essere vivo, grato di appartenere alla Chiesa, grato che il Signore, per qualunque ragione, mi ha benedetto incredibilmente “.

Questo articolo è stato originariamente scritto da Danielle B.Wagner ed è stato pubblicato su ldsliving.com, intitolato How an Anti-Mormon Attorney Became a Member of the Church He Hated. Italiano ©2017 LDS Living, A Division of Deseret Book Company | English ©2017 LDS Living, A Division of Deseret Book Company

(Visited 432 times, 3 visits today)