Vedere una statua dell’angelo Moroni, in cima al tempio, la fa sembrare imponente. Ma non ogni statua di Moroni è uguale alle altre. In realtà, ci sono otto diverse statue di Moroni in uso, da parte della Chiesa, ad oggi!

Le statue dell’angelo Moroni non sempre sono sulla cima dei templi. I primi templi SUG avevano dei segnavento ed è stato solo a partire dal 6° tempio – il Tempio di Salt Lake – che la statua di Moroni è stata introdotta. La successiva statua di Moroni non sarebbe stata posta su un tempio fino al 1956!

Il 1983 ha segnato il punto di svolta. Il tempio di Atlanta è stato caratterizzato da una statua dell’angelo Moroni e dei 126 templi dedicati, da allora, solo 2 non hanno ricevuto un angelo Moroni alla prima dedicazione, ma anche quelli hanno ottenuto una statua, nell’arco di un anno.

Dei 15 templi che erano stati originariamente costruiti senza una statua, sette sono stati adattati con la sua aggiunta. I quindici templi non ancora dedicati, per i quali sono stati rilasciati i disegni, hanno tutti le statue dell’angelo Moroni, come previsto. Con una sola eccezione.

Il tempio di Parigi, in Francia, dove è stato scelto un design che non comprende le guglie e, di conseguenza, Moroni non verrà inserito. Questo potrebbe segnare una nuova direzione? O è un unico caso, su una tradizione di 30 anni?

Degli angeli Moroni in uso, ognuno ha una storia interessante ed unica, che ci dice qualcosa del tempo e delle condizioni di cui fu costruito il tempio.

Segnavento

Nauvoo-Tempio

Lo sapevate che nei primi giorni della restaurazione del Vangelo, prima che ci fossero le statue dell’angelo Moroni, c’erano i segnavento?

Il primo tempio della Chiesa restaurata è stato dedicato nel 1836 a Kirtland, Ohio. In cima alla torre singola, c’era un segnavento che girava con il vento, appunto.

A quel tempo, i segnavento erano spesso collocati sugli edifici più alti di una comunità – chiese ed edifici civili, allo stesso modo – ed erano di grande utilità per le comunità, le cui industrie spesso dipendevano dal tempo climatico, per la loro sopravvivenza.

Il Tempio di Nauvoo aveva un segnavento a 3 dimensioni, a forma di una figura in stagno, senza nome, e dorata. Era stato modellato nelle sembianze di un uomo, in possesso di un libro in una mano e una tromba portata alle labbra nell’altra, che indossava abiti e berretto, ed era disteso in orizzontale, come se volasse.

Questa statua non era esplicitamente Moroni. Rappresentava l’angelo descritto nel verso dell’Apocalisse 14:6: “E vidi un altro angelo che volava in mezzo al cielo, recante l’evangelo eterno, per annunziarlo a quelli che abitano sulla terra, e ad ogni nazione e tribù, e lingua e popolo”.

Dopo che la Chiesa mormone si trasferì nello Utah, i primi templi costruiti nella loro nuova casa, avevano ancora i segnavento. Il tempio di Saint George aveva un segnavento sulla sua torre originaria e un altro ancora sulla sua torre più alta. Il Tempio di Logan venne costruito con due torri, una a ciascuna estremità, sormontate da un segnavento.

I segnavento furono anche presi in considerazione per il Tempio di Salt Lake. Alcuni dei primi disegni raffiguranti come sarebbe dovuto essere il Tempio di Salt Lake, riportano la simile caratteristica del segnavento di Nauvoo, sia sulle torri est che sulle torri ovest.

Il primo Moroni, una nuova icona

First-Moroni-Cyrus-Dallin-Salt-Lake-City-Temple-197x300La moda del segnavento è stata abbandonata, nel momento in cui il Tempio di Salt Lake era quasi finito. Cyrus Dallin, scultore di fama internazionale nato nello Utah, venne contattato dal presidente Wilford Woodruff, per creare una statua per la guglia orientale del tempio.

Dallin, che non era un membro della Chiesa, scelse la visita di Moroni a Joseph Smith, come soggetto della sua scultura e come simbolo appropriato della Restaurazione.

Come il segnavento di Nauvoo prima di esso, la statua di Dallin indossa delle vesti, questa volta a strati, e un berretto sulla testa. Tiene una tromba nella mano destra e il braccio destro solleva, verso il cielo, un proclama.

Il braccio sinistro è al fianco della statua e entrambi i pugni sono tesi. A differenza del segnavento di Nauvoo, la statua alta quasi 5 metri, si trova immobile su una sfera di granito massiccio.

La statua di Dallin, ha saldamente legato l’icona dell’angelo a quella del profeta Moroni, nelle menti dei membri della Chiesa.

Il secondo Moroni, l’angelo nella Città degli Angeli

Second-Moroni-Milard-Malin-Los-Ancgeles-CA-Temple-199x300Quando iniziò la costruzione del Tempio di Los Angeles, in California, nel 1951, lo scultore Millard F. Malin, nello Utah, venne contattato dalla Chiesa, per creare una nuova statua che andasse in cima al tempio, nel quartiere di spicco della California.

Progettata specificamente per il Tempio di Los Angeles, in California, il Moroni di Malin è unico nel suo genere. Secondo lo scultore, lo stile è stato fortemente influenzato dai dipinti sul Libro di Mormon di Arnold Freiberg, in particolare per quanto riguarda l’abbigliamento e il tono muscolare.

Oltre all’abbigliamento, spesso descritto come in stile Maya, questa statua di 4 metri e mezzo di altezza ha altre due caratteristiche non utilizzate su nessun’altra statua di Moroni, posta sui templi, fino ad oggi.

Innanzitutto, il modo in cui la mano sinistra tiene la tromba con il palmo rovesciato e la tromba a riposo, nella mano. Tutte le altre versioni della statua, attualmente in uso, hanno il palmo della mano sinistra verso il basso con una presa salda sulla tromba.

Inoltre, a differenza di tutte le altre versioni della statua attualmente in uso sui templi, che sono a piedi nudi, questa statua indossa dei sandali.

Questa è anche la prima di due statue che vennero create da mettere in cima ai templi, in cui la statua è in possesso di tavole d’oro nell’incavo del braccio sinistro, il primo dei due modelli di statua fatta in questo modo.

Il terzo Moroni, un vessillo per le nazioni

Third-Moroni-Avard-Fairbanks-Washington-DC-Temple-e1441064385704-200x300Quando è stata presa la decisione di costruire un tempio molto visibile, nella capitale della nazione, la decisione fu di fare un nuovo Moroni, da mettere sul tempio.

Per questo nuovo tempio, la Chiesa avrebbe contattato più artisti, per invitarli a presentare i loro progetti per la statua. Degli otto progetti che la Chiesa ricevette, venne scelto il disegno della Avard Fairbanks.

La statua dell’angelo Moroni della Avard Fairbanks è l’unica statua che ha la tromba che punta nella stessa direzione dei piedi. Tutte le altre statue hanno la tromba e la testa girata ad angolo retto, rispetto al petto e ai piedi.

Come il Moroni di Malin, questo angelo mantiene una riproduzione delle tavole d’oro nell’incavo del braccio sinistro.

Le vesti del Moroni di Fairbanks sono lunghe, più che su qualsiasi altra statua. Esse coprono parte dei piedi, ben al di sotto delle caviglie. La maggior parte delle statue di Moroni hanno le vesti che finiscono più in alto o sopra le caviglie.

Questa statua è stata anche la prima ad essere utilizzata su più di un tempio. In origine, era stata commissionata solo una statua di 5 metri e mezzo, dai piedi alla testa. Successivamente, sono state fatte altre tre versioni da cinque metri e mezzo, per essere utilizzate su altre guglie. La statua di Washington DC è ancora il Moroni più alto in uso.

Il quarto Moroni, un nuovo modo di fare la statua

Fourth-Moroni-Torlief-Knaphus-Idaho-Falls-Idaho-Temple-198x300Nel 1930, è stato chiesto a Torlief Knaphus di creare una replica del Moroni utilizzato sul tempio di Salt Lake. La statua è 30 cm più corta dell’originale di Dallin. Knaphus ha detto che, mentre sembra la stessa, da una certa distanza, le braccia e le spalle sono  più “muscolose” rispetto all’originale.

La statua è stata utilizzata su una cappella, fino al 1970. Un artista di nome LaVar Wallgren ha riprodotto la statua in vetroresina, per utilizzarla sul tempio di Idaho Falls e Atlanta.

Questo nuovo metodo di fare statue in fibra di vetro, le ha rese più leggere, più facili da trasportare nelle sedi di tutto il mondo e più economiche. Inoltre, il tempio non richiede un rinforzo strutturale, per mantenere il peso delle statue, come avvenuto in precedenza, a causa della struttura di metallo.

Questo ha permesso che le statue potessero anche essere collocate sui piccoli templi e sulle guglie più strette, tra cui i templi per i quali non era stato originariamente progettato avessero la statua.

La statua di Idaho Falls c’è ancora, ma la statua di Atlanta è stato rimossa e sostituita con un altro modello, poi ristrutturato. Quella statua ora si trova nel Tempio di Boston. Questa statua di Boston è una copia della statua di Dallin, che si trova sul tempio più vicino alla sua casa, in Massachusetts, dove Dallin ha vissuto per gran parte della sua vita.

Il quinto Moroni, un nuovo standard

Fifth-Moroni-Karl-Quilter-Newport-Beach-California-Temple-199x300Mentre la statua di Knaphus veniva riadattata, Karl Quilter venne incaricato di creare 2 nuovi standard per la quinta statua di Moroni, una grande ed una piccola. Sarebbero state fatte in vetroresina e utilizzate su base regolare. Con circa 100 copie in uso, ci sono più statue di questo genere di Moroni, rispetto a qualsiasi altra statua.

Il modo più rapido per identificare questa statua è vedere le cose dalla parte anteriore. L’orlo del mantello è spazzato dal vento che lo muove lontano dai piedi, alla sinistra dello spettatore.

La mano sinistra della statua è tenuta lontana dal corpo, in un angolo maggiore rispetto alle altre due statue di Quilter. Il polso sinistro è piegato leggermente verso il basso. La veste sulla manica sinistra è più liscia, priva di rughe definite, e il polsino si ferma rotondo e sciolto su quel braccio.

La gamba sinistra arriva direttamente giù dalla vita e si piega indietro al ginocchio, proiettando un po’ in avanti il petto. Visto dal lato, il braccio sinistro è piegato davanti al gomito. La mano sinistra è serrata in un pugno.

In primo piano, le dita della mano destra che reggono la tromba sono distanziate, tranne il pollice che si sovrappone all’indice e tocca il dito medio.

Questa statua è alta poco più di due metri, dai piedi alla testa.

Il sesto Moroni, un’opzione più grande

Sixth-Moroni-Karl-Quilter-Mount-Timpanogos-Utah-Temple-192x300I templi hanno varie altezze. Proprio per questo, la statua più piccola, che sembra stare bene su un tempio, potrebbe apparire troppo piccola o troppo in alto, su un altro. La seconda statua di Quilter è alta più di 3 metri ed è un’alternativa più alta, alla versione precedente. Con quasi 40 statue come questa utilizzate, è la seconda statua più presente di Moroni.

Se vista dalla parte anteriore, l’orlo della veste pende verso il basso, dalla vita, non si muove, su nessuno dei due lati.

Rispetto alla versione più piccola, il braccio sinistro è più vicino al corpo. Il polsino, sul braccio sinistro, non ha alcuna curva e la gamba sinistra si piega in avanti e leggermente verso l’esterno, sottolineando la caviglia sinistra che si trova dietro al piede destro. Il polsino è gonfiato dal vento e spostato sul braccio.

Guardando bene la mano destra, le dita si toccano tra loro e il pollice tocca il lato del dito indice, senza sovrapporsi ad esso.

Il settimo Moroni, un nuovo Moroni

Seventh-Moroni-LaVar-Wallgren-Bismark-North-Dakota-Temple-200x300Alta due metri, questa terza statua di Quilter era stata scolpita, in primo luogo, per il Tempio di Nauvoo, anche se è stata usato su templi con dimensioni simili.

La caratteristica davvero unica di questa statua è la mano sinistra. Cade al fianco della statua, come le due statue precedenti, ma a differenza di qualsiasi altro Moroni in uso, la mano è rilassata e aperta.

Un’altra caratteristica che identifica questa statua è la veste. E’ pesante, ha un aspetto a più strati, e sembra molto più disordinata e spazzata dal vento, delle precedenti statue di Quilter.

L’ottavo Moroni, una statua a grandezza naturale

Eight-Moroni-Karl-Quilter-Reno-Nevada-200x300LaVar Wallgren che ha rilavorato il primo Moroni in vetroresina, ha avuto l’incarico di progettare la più piccola statua dell’angelo Moroni.

Questa scultura sarebbe stata utilizzata specificamente sui templi più piccoli. In origine era destinata ad essere bianca, ma si è constatato che era difficile da vedere. Alla fine è stata dorata e messa su 5 templi.

Alta 1,80 metri, questa statua è probabilmente l’unica a grandezza naturale dell’angelo Moroni.

Due caratteristiche rendono questa statua molto particolare. Il primo e più evidente è la pergamena che la statua tiene nella sua mano sinistra.

La seconda è che l’identificazione di Moroni fatta da Wallgren, l’ha resa molto più giovane di qualsiasi altra statua di Moroni. Il volto è chiaramente quello di un giovane profeta, piuttosto che di uno vecchio e saggio.

Per saperne di più su ogni statua e conoscere gli scultori che le hanno create, guardate il nuovo (e gratuito) ebook “Conosci il tuo Moroni”. (in inglese)

(Visited 276 times, 1 visits today)