Su un sito anti mormone, ho appena letto il testo originale della dotazione o investitura mormone, che comprende tutte le modifiche apportate.

Lo scrittore ha anche detto che Joseph Smith aveva indicato che tale ordinanza non sarebbe mai cambiata dalla sua forma originale, come affermato anche da uno degli Apostoli.

Nel corso degli ultimi 52 anni ho notato che questi cambiamenti avvengono e l’unica conclusione a cui posso arrivare è che le versioni più corte permettono, ora, che più dotazioni si tengano nel tempio. Saluti.

Investitura Mormone

Sono sicuro che hai incontrato molti autori, nella tua ricerca, che aprono la dotazione o investitura mormone alla consultazione pubblica, in generale, e non intendono costruire la fede di un individuo sulla dotazione, come ordinanza di salvezza o di qualsiasi altro genere, per quella materia.

Non sono a conoscenza di nessuna citazione di Joseph Smith, in cui egli abbia insegnato che la liturgia dell’investitura mormone, come rivelata a Kirtland o a Nauvoo, non potesse mai essere cambiata in alcun modo. Ciò che egli ha insegnato, è che:

“E’ stata la progettazione dei consigli del cielo prima che il mondo fosse, che i principi e le leggi del sacerdozio dovessero basarsi sulla raccolta delle persone, in ogni età del mondo.

Gesù ha fatto di tutto per riunire il popolo, che non ha voluto essere raccolto, e Egli ha, quindi, versato maledizioni su di loro.

Le ordinanze istituite nei cieli, prima della fondazione del mondo, nel sacerdozio, per la salvezza degli uomini, non devono essere alterate o modificate. Tutti devono essere salvati sugli stessi principi” (Insegnamenti del profeta Joseph Smith, 308).

In altre parole: le ordinanze sono eterne, in natura, e non devono essere modificate e tutte le persone devono ricevere queste ordinanze. Come Joseph ha spiegato nello stesso discorso:

“Se un uomo ha una pienezza del sacerdozio di Dio, deve farlo nello stesso modo in cui Gesù Cristo lo ha ottenuto, e questo avviene rispettando tutti i comandamenti e obbedendo a tutte le ordinanze della casa del Signore”.

Cos’è l’investitura mormone

Ora, ci sono un paio di cose da tenere a mente qui. La prima cosa da ricordare è che, tecnicamente, la dotazione o investitura mormone non è “un”’ ordinanza. Si tratta di una serie di ordinanze, legate insieme da una quantità significativa di istruzioni.

Lo scopo dell’istruzione è quello di rendere le ordinanze più significative e l’istruzione può essere (come, infatti, è stata) cambiata, con la frequenza necessaria a fare in modo che l’istruzione faccia quello che dovrebbe fare; in particolare, quando vecchi simboli o stili di insegnamento diventano così antiquati da distrarre dall’esperienza complessiva.

Insistere nel dire che preservare la dotazione prevede il mantenimento del testo integrale dell’istruzione, è un po’ come dire che il sacramento che ho preso la scorsa Domenica è in qualche modo annullato perché i discorsi della riunione sacramentale che ho sentito in quella data, non sono copie carbone dei discorsi della riunione sacramentale che è stata tenuta il mese scorso o l’anno scorso o cento anni fa.

In secondo luogo, dobbiamo considerare che cosa significhi veramente “alterare” le ordinanze. Ciò è particolarmente importante, nel caso della dotazione o investitura mormone.

Lo sapevi che non vi è nessun testo scritto, per la dotazione, da oltre 35 anni? Fino a quando il Tempio di St. George è stato dedicato nel 1877, le cerimonie della dotazione o investitura mormone venivano tutte eseguiti a memoria, e, possiamo presumere che fossero leggermente diverse l’una dall’altra.

Quando il tempio di Saint George venne quasi completato, Brigham Young lavorò con il suo segretario, L. John Nuttall, per mettere la cerimonia per iscritto, per la prima volta.

Durante questo processo, Brigham Young ha raccontato come, anche nel 1842, dopo la presentazione di alcune cerimonie delle prime dotazioni, Joseph Smith si rivolse a lui e dichiarò:

“Fratello Brigham, tutto questo non è organizzato perfettamente; tuttavia abbiamo fatto del nostro meglio nelle circostanze in cui ci troviamo.

Vi auguro di prendere la questione in mano: organizzare e sistematizzare tutte queste cerimonie” (Diario di L. John Nuttall, 7 febbraio 1877).

Gli storici ci dicono che, anche dopo che il testo scritto è stato sviluppato, piccole differenze nella cerimonia persistevano da tempio a tempio, fino al 20esimo secolo, quando la Prima Presidenza ha insistito che tutti i presidenti di tempio si conformassero allo stesso testo scritto.

Questo problema di trovare un testo definitivo per un’ordinanza di salvezza, non si limita alle cerimonie della dotazione. Joseph Smith ci ha fornito tre diverse varianti della preghiera battesimale (vedere DeA 20:73, confrontare con 3 Ne 11:25 e Mosia 18:13).

Se c’è qualche documento scritto, assolutamente “perfetto” per un decreto e se tale documento non deve mai essere alterato in alcun modo, allora vuol dire che i nostri battesimi sono inefficaci? O lo sono quelli di Alma? O quelli fatti dopo l’apparizione di Cristo ai Nefiti?

Io non credo

Nel 1840, Joseph Smith dettò un “Trattato sul sacerdozio”, che venne letto ad una conferenza della chiesa, il 5 Ottobre dello stesso anno. (Appare nella Storia della Chiesa 4: 207-209, e parti di esso sono citate nel capitolo 8 degli “Insegnamenti dei presidenti della Chiesa: Joseph Smith”.

È, inoltre, possibile leggere il testo completo online, a questo link.) E’ un discorso interessante e importante, e vi consiglio vivamente di prendere un po’  di tempo per assimilarlo. Per i nostri scopi, mi limito a citare le seguenti parole:

“Dio non riconoscerà ciò che egli non ha chiamato, ordinato e scelto…”

Questa è, quindi, la natura del sacerdozio, ogni uomo che detiene la presidenza della suo dispensazione è un uomo che esercita la presidenza di tutti, anche di Adamo, e Adamo ha ricevuto la sua presidenza e la sua autorità da Cristo…

La potenza, la gloria e le benedizioni del sacerdozio non potevano continuare con quelli che hanno ricevuto l’ordinazione solo perché la loro giustizia fosse compiuta; Caino era stato autorizzato ad offrire sacrifici, ma non li offriva in giustizia, perciò venne maledetto.

Significa quindi che le ordinanze devono essere rispettate nel modo in cui Dio ha richiesto, altrimenti il loro sacerdozio sarà una maledizione, invece di una benedizione.

Se Caino avesse adempiuto la legge della giustizia, come fece Enoch, avrebbe potuto camminare con Dio tutti i giorni della sua vita e non mancare mai di una benedizione.

In altre parole: Dio riconosce un’azione del sacerdozio, gli elementi necessari sono l’autorità e la rettitudine personale da parte del detentore del sacerdozio.

Le ordinanze della investitura mormone rimangono le stesse

Chiaramente, l’uomo non ha il diritto di modificare unilateralmente le forme delle ordinanze e delle cerimonie che Dio ha stabilito (si veda, ad esempio, Isaia 24:5).

Seguiamo le attuali forme perché rispettiamo l’autorità divina di coloro la cui responsabilità è di “predicare il Vangelo e amministrare le ordinanze” (5° articolo di fede).

Tuttavia, non dobbiamo concludere che Dio stesso non abbia il potere di cambiare quelle forme, al fine di massimizzare il loro beneficio spirituale o simbolico, verso i partecipanti, a condizione che la Chiesa cerchi di garantire che coloro che svolgono l’ordinanza siano debitamente ordinati e facciano un sincero sforzo di vivere rettamente, affinché la sostanza del decreto venga conservata.

Ciò che a Dio non va bene, è permettere che l’ordinanza venga cambiata al punto che la sua vera essenza non è più presente.

Ad esempio, tornando all’ordinanza del battesimo: mentre piccole modifiche alla preghiera battesimale, possono essere ammissibili, Dio non avrebbe mai autorizzato la degenerazione del battesimo al punto in cui il suo aspetto sarebbe stato compromesso o addirittura negato (come purtroppo avviene in alcune denominazioni cristiane oggi), o dove Gesù Cristo sarebbe fondamentalmente tenuto al di fuori del rito (come è il caso del mikvot ebraico).

Al contrario, la natura fondamentale della investitura mormone resta ora, come lo era ai tempi di Joseph Smith, “per ricevere tutte quelle ordinanze della casa del Signore, che sono necessari per voi, quando avrete lasciato questa vita, per consentirvi di tornare indietro, alla presenza del Padre, passando davanti agli angeli che fanno la guardia, e vi possa essere consentito di dare loro le parole chiave, i segni e i simboli di pertinenza del Santo Sacerdozio, e ricevere l’esaltazione eterna malgrado la terra e l’inferno” (Brigham Young, Diario dei discorsi 2:31).

(Visited 73 times, 1 visits today)