Alcuni potrebbero chiedersi quale autorità del sacerdozio, se c’è, abbiano le donne in una chiesa dove solo gli uomini sono ordinati all’ufficio del sacerdozio e presiedono come dirigenti.

Ma le donne nella Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni hanno sempre detenuto l’autorità del sacerdozio.

Sebbene questa autorità sia stata una parte rivelata della Chiesa sin dall’inizio, non è sempre stata chiaramente compresa da molti membri.

Questo articolo cerca di chiarire questa importante dottrina spiegando tre modi attraverso i quali le donne hanno l’autorità del sacerdozio nella Chiesa ed il modo in cui ce l’hanno gli uomini.

Nota: non sono il primo a scrivere relativamente a questo importante argomento. Barbara Morgan Gardner (Aiutare le studentesse a risvegliare i loro privilegi spirituali, Educatore religioso, pag 117-139) e Wendy Ulrich hanno esaminato molte delle stesse fonti profetiche e tratto conclusioni simili e correlate.

Questi articoli mi hanno ispirato e li raccomando al lettore che desidera saperne di più sul tema delle donne e del sacerdozio nella chiesa dei Santi degli Ultimi Giorni.

  1. Le donne hanno l’autorità del sacerdozio nelle loro chiamate nella Chiesa

In un discorso di riferimento sulle donne ed il sacerdozio, l’anziano Dallin H. Oaks ha insegnato:

“Non siamo abituati a parlare di donne che hanno l’autorità del sacerdozio nelle loro chiamate ecclesiastiche, ma quale altra autorità può essere?

Quando una donna – giovane od anziana – viene messa a parte, le viene conferita l’autorità del sacerdozio per svolgere una funzione sacerdotale.

Chiunque presieda in un ufficio o in una chiamata ricevuta da chi detiene le chiavi del sacerdozio, esercita l’autorità del sacerdozio nell’esercizio delle sue funzioni” (Dallin H. Oaks, Ensign maggio 2014).

Come detto in questa potente dichiarazione, alle donne viene conferita l’autorità del sacerdozio attraverso la funzione delle loro chiamate ecclesiastiche.

Sebbene questa fosse una nuova idea per molti membri della Chiesa, essa è radicata nelle prime rivelazioni di Dottrina e Alleanze.

Ad esempio, solo tre mesi dopo che la Chiesa fu organizzata, il Signore disse a Emma Smith:

“Tu sarai ordinata sotto la sua mano [di Joseph Smith] per esporre le Scritture ed esortare la chiesa, come ti sarà dato dal mio Spirito” (DeA 25:7).

Ai nostri giorni usiamo il termine “ordinare” esclusivamente per le ordinazioni del sacerdozio degli uomini e usiamo il termine “mettere a parte” per descrivere l’autorità che Emma ha ricevuto.

Tuttavia, dovremmo riconoscere l’importanza di questa rivelazione nello stabilire il ruolo e l’autorità delle donne nella Chiesa.

società di soccorso mormoneNonostante le affermazioni della Bibbia secondo cui “le donne mantengono il silenzio nelle chiese” (1 Corinzi 14:34), questa prima rivelazione ripristina il posto legittimo e autorizzato delle donne nella Chiesa per insegnare e predicare le Scritture proprio come gli anziani ordinati (vedere DeA 20:42).

Inoltre, il Signore ha rivelato che “tutte le altre autorità o uffici nella Chiesa sono appendici a questo sacerdozio [Melchizedek]” (DeA 107:5).

Ciò significa che le organizzazioni ausiliarie della Società di Soccorso, delle Giovani Donne, dei Giovani Uomini, della Primaria e della Scuola Domenicale, sono tutte appendici che sono collegate al sacerdozio.

Ciò significa che traggono la loro autorità dal sacerdozio per dare assistenza nell’opera di salvezza.

Infatti, come ha spiegato l’anziano Dallin H. Oaks:

“è stato detto che la Società di Soccorso non è solo una classe per le donne, ma qualcosa a cui appartengono: un’appendice divinamente stabilita al sacerdozio” (Dallin H. Oaks, Ensign maggio 2014).

Questo è in armonia con ciò che il profeta Joseph Smith insegnò quando per la prima volta organizzò la Società di Soccorso “nell’ordine del sacerdozio secondo lo schema della Chiesa” e la incaricò non solo di “liberare i poveri” ma di “salvare le anime” (Vedi “Insegnamenti di Joseph Smith sul sacerdozio, il tempio, le donne”).

  1. Le donne hanno l’autorità del sacerdozio ed il potere attraverso l’investitura del Tempio

In un altro discorso chiave sulle donne ed il sacerdozio, l’anziano M. Russell Ballard ha spiegato che:

“Quando uomini e donne vanno al tempio, sono entrambi dotati dello stesso potere, che per definizione è il potere del sacerdozio… L’accesso al potere e alle benedizioni del sacerdozio è disponibile per tutti i figli di Dio” (Anziano M. Russell Ballard, Ensign settembre 2014).

Sebbene le donne non siano ordinate all’ufficio del sacerdozio, nel tempio vengono dotate del potere e dell’autorità del sacerdozio.

Questo concetto è coerente con la preghiera dedicatoria del Tempio di Kirtland dove il profeta Joseph Smith pregò:

“E ti chiediamo, Santo Padre, che i tuoi servi possano uscire da questa casa armati della tua potenza e che il tuo nome sia su di loro e la tua gloria intorno a loro e i tuoi angeli li circondano” (DeA 109:22).

Il termine “servi” è neutrale rispetto al genere e si applica allo stesso modo a uomini e donne.

Nel tempio, donne e uomini sono entrambi dotati di potere spirituale e autorità poiché “assumono più completamente e pienamente su sè stessi il nome di Gesù Cristo” (Anziano David A. Bednar, Ensign, maggio 2009).

matrimonio eternoLe piene benedizioni della dotazione del tempio furono rivelate per la prima volta a Nauvoo e furono somministrate a uomini e donne.

È attraverso questa dottrina del potere e dell’autorità del sacerdozio che le donne sono autorizzate a “esibirsi e officiare nei sacri riti dei templi della Chiesa” (Insegnamenti di Joseph Smith sul sacerdozio, il tempio, le donne).

Come ha spiegato l’anziano Ballard:

“Tutti quelli che entrano nella casa del Signore officiano nelle ordinanze del sacerdozio” (Anziano M. Russell Ballard, Ensign settembre 2014).

Sebbene ci fosse un tempo nella storia della chiesa in cui alcune donne esercitavano questa autorità del sacerdozio al di fuori del tempio per amministrare gli ammalati, fu poi chiarito che l’autorità delle donne per celebrare le ordinanze apparteneva più esclusivamente al tempio (Insegnamenti di Joseph Smith sul sacerdozio, il tempio, le donne).

Da quel momento, i membri della Chiesa sono stati incoraggiati a seguire il Nuovo Testamento ed “invocare gli anziani” quando sono malati (Giacomo 5:14).

  1. Le donne hanno l’autorità del sacerdozio attraverso il matrimonio nel tempio per presiedere con i loro mariti sulla loro posterità per il tempo e l’eternità

“La famiglia: un proclama al mondo” afferma che “per disegno divino, i padri devono presiedere le loro famiglie nell’amore e nella giustizia”, “le madri sono principalmente responsabili per l’educazione dei loro figli” e in questi ruoli complementari “padri e le madri sono obbligati ad aiutarsi l’un l’altro come partner uguali” (“La famiglia: un proclama al mondo”, La Stella, novembre 1995).

Sebbene i padri siano chiamati a presiedere, le loro mogli sono chiamate ad essere loro pari. Inerente a questa associazione divina è l’idea che le madri presiedono con i loro mariti sui loro figli.

L’anziano Dallin H. Oaks ha spiegato:

“Una differenza molto importante nel funzionamento dell’autorità del sacerdozio nella famiglia e nella Chiesa deriva dal fatto che il governo della famiglia è patriarcale, mentre il governo della Chiesa è gerarchico” (Ensign, Ottobre 2005).

Per illustrare il suo punto, l’anziano Oaks ha condiviso la sua esperienza di vita:

“Quando mio padre è morto, mia madre ha presieduto la nostra famiglia.

Non aveva un ufficio del sacerdozio, ma come genitore superstite nel suo matrimonio era diventata colei che avrebbe governato sulla sua famiglia.

Allo stesso tempo, era sempre totalmente rispettosa dell’autorità del sacerdozio del nostro vescovo e di altri dirigenti della Chiesa. Ha presieduto la sua famiglia, ma loro hanno presieduto sulla Chiesa” (Anziano Dallin H. Oaks, Ensign, ottobre 2005).

Questo ordine di governo familiare, in cui padri e madri presiedono sui loro figli, è chiamato “ordine patriarcale” e vi si entra attraverso il matrimonio eterno.

Il presidente Ezra Taft Benson spiegò che:

“L’ordine del sacerdozio di cui si parla nelle Scritture viene a volte indicato come l’ordine patriarcale perché discende di padre in figlio.

Ma questo ordine è altrimenti descritto nella rivelazione moderna come un ordine di governo familiare in cui un uomo ed una donna entrano in un’alleanza con Dio – proprio come Adamo ed Eva – per essere suggellati per l’eternità, per avere la posterità e per fare la volontà e il lavoro di Dio attraverso la loro mortalità.

Se una coppia è fedele alle sue alleanze, ha diritto alla benedizione del più alto grado del Regno Celeste” (Presidente Ezra Taft Benson, Ensign, agosto 1985).

Come ha spiegato il presidente Benson, questo ordine patriarcale di governo familiare attraverso il matrimonio eterno è ciò che ci permette di entrare nel più alto grado del regno celeste.

potere del sacerdozioIl Signore rivelò al profeta Joseph Smith che “nella gloria celeste ci sono tre cieli o gradi; e per ottenere il più alto, un uomo deve entrare in questo ordine del sacerdozio [che significa la nuova ed eterna alleanza del matrimonio]” (DeA 131:1-2).

Questo ordine è ciò che ci permette anche di presiedere sulle nostre famiglie per il tempo e per l’eternità.

Come il Signore spiegò ad Adamo [e implicitamente ad Eva] “Ti ho posto per essere il capo; una moltitudine di nazioni verrà da te e tu sarai un principe su di loro per sempre” (DeA 107:55).

Queste benedizioni di presiedere le nostre famiglie per l’eternità nel più alto grado del regno celeste sono le benedizioni di diventare come il nostro Padre e la nostra Madre Celeste. Come spiegò l’anziano Bruce R. McConkie:

“Se gli uomini giusti hanno potere attraverso il vangelo e la sua ordinanza di incoronazione nel matrimonio celeste, per diventare re e sacerdoti che governano nell’esaltazione per sempre, ne consegue che le donne al loro fianco (senza le quali non possono ottenere l’esaltazione) saranno le regine e le sacerdotesse”. (Apocalisse1:6; 5:10).

L’esaltazione nasce dall’unione eterna di un uomo e di sua moglie. Di quelli il cui matrimonio dura nell’eternità, il Signore dice: “Allora saranno dei” (DeA 132:20); cioè, ognuno di loro, l’uomo e la donna, sarà un dio.

In quanto tali regneranno per sempre sui loro domini”(Dottrina Mormone, 613; Nota: il termine “dio” può applicarsi sia agli uomini che alle donne esaltati nelle Scritture. “Dea” non viene usato nella dottrina della Chiesa).

Solo agli uomini viene conferito il sacerdozio e vengono ordinati all’ufficio del sacerdozio

Sebbene le donne abbiano l’autorità del sacerdozio attraverso le loro chiamate e in virtù delle ordinanze del tempio, in genere non diremo che le donne “detengono il sacerdozio” perché non gli viene conferito o non vengono ordinate all’ufficio del sacerdozio.

Come affermato negli “Insegnamenti di Joseph Smith sul sacerdozio, il Tempio, le Donne “, “né Joseph Smith, né alcuna persona che agisce per suo conto, né alcuno dei suoi successori conferì il Sacerdozio di Aaronne o di Melchisedec alle donne o le donne vennero ordinate all’ufficio del sacerdozio”.

conferito il sacerdozioQuesto è vero anche nel nostro lavoro di tempio per i morti, dove ordiniamo gli uomini per essere anziani come parte della loro dotazione vicaria, ma non ordiniamo le donne all’ufficio del sacerdozio.

Fin dall’inizio, solo gli uomini sono stati ordinati all’ufficio del sacerdozio. Come il Signore rivelò al profeta Joseph Smith: “L’ordine di questo sacerdozio fu confermato di padre in figlio” ai quali “giustamente appartiene” (DeA 107:40).

È importante ricordare, tuttavia, che “gli uomini non sono” il sacerdozio.

“Gli uomini detengono il sacerdozio, con il sacro dovere di usarlo per la benedizione di tutti i figli di Dio” (Anziano Dallin H. Oaks, Ensign maggio 2014 ).

Quindi, indipendentemente da chi detiene il sacerdozio, “l’accesso al potere e alle benedizioni del sacerdozio è disponibile per tutti i figli di Dio” (Anziano M. Russell Ballard, Ensign settembre 2014).

Poiché gli uomini sono ordinati al sacerdozio e le donne non sono state chiaramente definite come detentrici del sacerdozio, è saggio per noi non speculare con idee che potrebbero essere confuse o condiscendenti. L’anziano Dallin H. Oaks ha spiegato:

“Se leggete le Scritture con questa domanda in mente: ‘Perché il Signore ha comandato questo o perché non l’ha comandato’, troverete che meno di un centinaio di comandamenti ha una qualsiasi motivazione.

Non è lo schema del Signore dare spiegazioni. Noi [mortali] possiamo trovare delle motivazioni per questi comandamenti. Quando lo facciamo, siamo da soli “e le nostre risposte possono trasformarsi” in un modo sbagliato.

Non commettiamo l’errore che è stato fatto in passato di trovare delle motivazioni da rivelare” (Lezioni di vita, 68-69).

Sebbene il motivo per cui gli uomini hanno ricevuto l’autorità del sacerdozio non sia stato rivelato, il Signore ha rivelato ciò che gli uomini dovrebbero fare con questo sacerdozio.

Come accennato in precedenza, i detentori del sacerdozio devono usare la loro autorità del sacerdozio per amministrare le benedizioni del Vangelo e le sue ordinanze a tutti i figli di Dio (DeA 107:18-20).

Tuttavia, gli uomini hanno una particolare responsabilità nell’amministrare queste benedizioni alle loro famiglie come padri del sacerdozio.

I padri devono usare il sacerdozio per benedire e amministrare le ordinanze nella loro famiglia

Una delle più grandi rivelazioni sul sacerdozio date nella nostra dispensazione si trova in Dottrina e Alleanze 107.

Sebbene diversi versi siano stati aggiunti alla rivelazione più tardi (vedi l’intestazione della sezione), quando è stato rivelato originariamente si è concluso con una lezione sulla paternità.

Essa rivelò che Adamo fu il primo padre del sacerdozio e usò il suo sacerdozio per amministrare le ordinanze e benedire sia i suoi figli che le sue figlie, per portarli tutti alla presenza di Dio (DeA 107:53-54).

Ordinò anche i suoi figli in modo che potessero a loro volta benedire la propria posterità con quel sacerdozio (DeA 107:41-53).

Di conseguenza, DeA 107 non è solo una rivelazione sul sacerdozio, ma una rivelazione sulla paternità.

Rivela che, all’inizio, il sacerdozio era legato alla paternità e che i padri dovevano principalmente usare il loro sacerdozio per benedire e servire le loro famiglie.

salvatori in Sion - preordinazione

In realtà, Abramo si riferiva al sacerdozio come “diritto appartenente ai padri” e “nomina di Dio ai padri” (Abramo 1:2,4).

Oggi vediamo questo principio in azione mentre i padri fedeli usano la loro autorità del sacerdozio per benedire i loro bambini, battezzare e confermare i loro figli e amministrare i loro familiari malati.

Come ha spiegato lo storico della Chiesa Steven Harper:

“Un risultato incommensurabile di Dottrina e Alleanze 107 è il modo in cui dà significato alla vita degli uomini.

La sezione 132 enfatizza il potere esaltante del sacerdozio per le donne e per gli uomini, ma il potere particolare della sezione 107 conferisce agli uomini ordinari, anche inadeguati, sia il dovere che il destino che possono motivarli ad elevarsi a livelli ben maggiori di servizio a Dio e alla famiglia di quanto non farebbero se lasciati alle loro inclinazioni naturali.

La rivelazione arrivò in un momento in cui la cultura americana stava iniziando a erodere la paternità.

Notando come gli esaltanti principi del sacerdozio della sezione 107 sembrassero avere una potente influenza sul padre di Joseph, lo storico Richard Bushman arrivò al punto di dire che “nel restaurare il sacerdozio, Joseph ristabilì la paternità” (Harper, Il senso di Dottrina e Alleanze, p.397-399).

Questa connessione tra paternità e sacerdozio ci aiuta ad interpretare ciò che il proclama sulla famiglia intende dire quando afferma che “per disegno divino, i padri devono presiedere le loro famiglie nell’amore e nella giustizia e sono responsabili di provvedere alle necessità di vita e di protezione per le loro famiglie” (Ensign, novembre 1995).

Storicamente, alcuni padri hanno trascurato queste responsabilità o presumono che questa commissione abbia dato loro il diritto di essere il capo e praticare “il dominio ingiusto” (DeA 121:39; vedi Oaks, Ensign, ottobre 2005).

In realtà, presiedere come dirigente del sacerdozio significa servire (Matteo 23:11) ed i padri devono adempiere alla loro unica chiamata a presiedere, fornire e proteggere usando il loro sacerdozio per benedire e servire le loro famiglie (DeA 107:40- 53).

Ciò significa che il più grande scopo per gli uomini che detengono il sacerdozio non è quello di servire come vescovi o presidenti di palo, ma di servire come padri.

La paternità “è una chiamata eterna da cui non vieni mai rilasciato. Le chiamate nella Chiesa, per quanto importanti siano, per loro stessa natura sono solo per un periodo di tempo” (Presidente Ezra Taft Benson, Ensign novembre 1987).

In verità, come il presidente Harold B. Lee ha ripetutamente insegnato ai dirigenti della Chiesa, “La più importante opera del Signore che farete mai, sarà tra le mura delle vostre case” (Insegnamenti dei presidenti della Chiesa: Harold B. Lee, 134).

Conclusione

Sebbene non conosciamo tutti i motivi per cui uomini e donne abbiano diversi ruoli nel piano del nostro Padre Celeste, sappiamo che questi ruoli sono intenzionalmente diversi.

Molti, nella nostra cultura moderna, presuppongono che i ruoli di genere debbano essere uguali, ma i profeti viventi hanno costantemente insegnato un messaggio diverso.

Ad esempio, l’anziano Dallin H. Oaks ha insegnato che “Agli occhi di Dio, le donne e gli uomini sono uguali, con responsabilità diverse” (Oaks, Ensign, maggio 2014).

la caduta di adamo ed evaCiò ha fatto eco alle parole dell’anziano M. Russell Ballard, che ha insegnato che “gli uomini e le donne sono uguali agli occhi di Dio e agli occhi della Chiesa, ma uguali non significa che siano la stessa cosa.

Le responsabilità e i doni divini di uomini e donne differiscono nella loro natura, ma non nella loro importanza o influenza. Dio non considera nessuno dei due sessi come migliore o più importante dell’altro” (Ballard, Ensign, settembre 2014).

I diversi doni e ruoli di uomini e donne sono destinati a completarsi a vicenda.

“Le nature degli spiriti maschili e femminili si completano e si perfezionano a vicenda, quindi uomini e donne progrediscono insieme verso l’esaltazione” (Anziano David A. Bednar, Ensign, febbraio 2006).

Non è mai stato inteso che l’uomo o la donna siano soli. Come il presidente Boyd K. Packer ha insegnato:

“All’inizio, Adamo era solo. Ha detenuto il sacerdozio, ma da solo non ha potuto realizzare gli scopi della sua creazione. Nessun altro uomo potrebbe farlo.

Se Adamo ed Eva non fossero stati naturalmente diversi l’uno dall’altro, non avrebbero potuto moltiplicarsi e riempire la terra. Le differenze complementari sono la vera chiave del piano di felicità” (Packer, Ensign, novembre 1993).

Come la storia di Adamo ed Eva insegna con forza, gli uomini e le donne non sono creati per essere in competizione l’uno con l’altro, sforzandosi di essere indipendenti l’uno dall’altro.

Al contrario, Eva fu creata per essere un “aiuto” ed una degna compagna di Adamo (Genesi 2:18). In altre parole, è stata creata per essere la sua “compagna paritaria” (proclama della famiglia).

È stata creata in modo figurato dalla sua costola per insegnarci che ella è al suo fianco, creata da Dio come sua equivalente complementare.

E insieme, con i loro ruoli diversi ma uguali, dovevano servirsi e benedirsi a vicenda e servire e benedire i loro figli per il tempo e per l’eternità (Mosè 5:1-5). Lo fecero entrambi, con l’autorizzazione e l’approvazione di Dio e del suo santo sacerdozio.

Questo articolo è stato scritto da Mark A. Mathews e pubblicato sul sito ldsmag.com. Questo articolo è stato tradotto da Cinzia Galasso

(Visited 320 times, 2 visits today)