Siamo figli di spirito di Dio. “Sono un figlio di Dio; Ei mi mandò quaggiù” (Inno 190). “Siamo figlie del nostro Padre Celeste, che ci ama e che amiamo” (Tema delle Giovani Donne).

Sin dalla primaria e poi per tutta la vita, cantiamo e impariamo che siamo figli di Dio, ossia figli di spirito di Dio. Poiché questa conoscenza è così radicata in noi, spesso pensiamo che sia un qualcosa a cui tutti credono.

In realtà, la dottrina di essere letteralmente figli di spirito di Dio è unica della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni e non è condivisa dal resto del mondo religioso.

Non solo è unica, ma è alla base di tutto ciò che crediamo su Dio, l’uomo e l’intero piano di salvezza. Il modo in cui siamo venuti a conoscenza di questa meravigliosa verità e il motivo per cui gli altri scelgono di respingerlo, è un concetto importante da capire per i membri della Chiesa.

Cosa dicono di noi le altre fedi religiose

Uno dei motivi principali per cui il mondo cristiano rifiuta la dottrina di essere letteralmente figli in spirito di Dio è per via del modo in cui i loro credi definiscono Dio. Come ha spiegato l’anziano Jeffrey R. Holland:

“Nel 325 d.C. l’imperatore romano Costantino convocò il Concilio di Nicea per trattare, tra le altre cose, la questione delicata della presunta “trinità in unità” di Dio.

Ciò che emerse dalle argomentazioni contenziose di religiosi, filosofi e dignitari ecclesiastici divenne noto (dopo altri centoventicinque anni e altri tre concili maggiori) come il Credo di Nicea, con riformulazioni successive come il Credo di Atanasio.

Queste varie evoluzioni e iterazioni del credo, con altre che ci sarebbero state nei secoli a venire, dichiararono che il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo sono esseri astratti, assoluti, trascendenti, immanenti, coeterni e inconoscibili, senza un corpo, parti o passioni, che dimorano al di fuori dello spazio e del tempo.

In questo credo tutti e tre i componenti sono personaggi separati, ma sono un singolo essere, spesso chiamato “mistero della trinità”. Sono tre personaggi distinti, ciò nonostante non tre dèi, ma uno.

Tutti e tre i personaggi sono incomprensibili, tuttavia è un solo Dio che è incomprensibile.

Siamo d’accordo con i nostri critici almeno su un punto: che tale formulazione per la divinità sia davvero incomprensibile “(Il solo vero Dio e colui che Egli ha mandato, Gesù Cristo – Anziano Jeffrey R. Holland, Liahona, novembre 2007, corsivo dell’autore).

La maggior parte dei Santi degli Ultimi Giorni capisce che questa visione di Dio sia straordinariamente diversa dalla nostra fede in un Dio personale che ha un corpo tangibile (DeA 130: 22), ma molti non ne capiscono tutte le implicazioni.

CroceCome definito dalle credenze cristiane, Dio non è solo un personaggio spirituale senza un corpo fisico (come il modo in cui vediamo lo Spirito Santo), ma è assolutamente privo di forma. La frase comune è che è “senza un corpo, parti e passioni” (Westminster Confession of Faith).

Ciò implica che Dio sia un’essenza spirituale senza forma che non assomiglia affatto all’uomo.

Non siamo creati letteralmente a immagine di un tale Dio. Di conseguenza, Dio non è e non può essere il nostro letterale Padre Celeste perché non ha letteralmente niente in comune con noi.

Come ha spiegato uno storico della Chiesa, “dal V secolo l’ortodossia cristiana aveva imposto un abisso quasi invalicabile tra il Creatore e le sue creazioni. I cristiani arrivarono a credere che l’umanità fu creata dal nulla.

Dio quindi non aveva rimodellato materiali esistenti, ma aveva manipolato materiali completamente diversi dalla Sua creazione, che erano pertanto misteriosi e di natura ignota.

La descrizione riportata nella Bibbia della relazione genitoriale tra Dio e noi era intesa in gran parte come una metafora invece che come una parentela letterale.

O in altre parole, secondo la maggior parte dei pensatori cristiani, tale descrizione sminuiva in modo blasfemo la divinità di Dio o elevava pericolosamente l’uomo”(McBride, Revelations in Context, p. 192).

Da ciò possiamo vedere che un grande problema con i credi non era solo che definivano Dio come privo di un corpo fisico, ma soprattutto separavano l’uomo da Dio, supponendo che non fosse realmente il nostro Padre Celeste.

La paternità è fondamentale per tutto ciò che Dio è e tutto ciò che ha rivelato di sé. Infatti, “è significativo che tra tutti i titoli di rispetto, onore e ammirazione” Dio “ci abbia chiesto di rivolgerci a Lui come Padre” (Quorum dei Dodici Apostoli, Ensign giugno 2002).

Come afferma il nostro primo Articolo di fede, “crediamo in Dio Padre Eterno” (corsivo dell’autore).

Definire Dio come essenza spirituale senza un corpo, parti e passioni significa negare a Dio la sua paternità e allontanarlo da ciò a cui tiene di più: i Suoi figli.

Negando la vera paternità di Dio, i credi ci privano anche del nostro diritto di nascita come figli e figlie di Dio. Perché se Dio non è veramente il nostro Padre Celeste, allora non abbiamo il diritto di aspirare a diventare come Lui.

Poiché questo semplice principio è alla base di tutto il Piano di Salvezza, questa falsa dottrina ha contribuito a distruggere la comprensione del piano di Dio per l’uomo più di qualsiasi altra cosa mai concepita.

Sicuramente, questa è una delle ragioni per cui Dio è apparso di persona a Joseph Smith, così da poter rivelare all’umanità chi è veramente e, implicitamente, chi siamo noi veramente.

C’è da meravigliarsi che in quell’occasione Dio dichiarò che “tutti i loro credi erano un abominio al suo cospetto?” (Storia di Joseph Smith 1:19)

Chi siamo veramente

bimboSebbene le rivelazioni nella Bibbia, nel Libro di Mormon e nella Perla di Gran Prezzo fanno riferimento all’umanità come ai figli di Dio, queste affermazioni suggeriscono solo il significato completo e letterale di questo termine.

La prima volta che questa dottrina fu rivelata chiaramente in questa dispensazione, è stato nella sezione 93 di Dottrina e Alleanze.

In essa Cristo rivelò che aveva una vita pre-terrena, cioè “all’inizio era con Dio” come “Primogenito” e rivelò che anche noi “eravamo all’inizio con il Padre” come “spiriti “(DeA 93: 21,23).

Questo semplice annuncio rivela che prima di venire su questa terra abbiamo avuto un’esistenza spirituale premortale in cielo letteralmente come figli di Dio nello spirito.

Sebbene questa sia una dottrina fondamentale che abbiamo ascoltato per tutta la vita, questo versetto indica dove fu rivelato per la prima volta.

In esso è implicito che se Cristo fosse il primogenito, allora anche noi siamo stati generati, nati e cresciuti letteralmente come figli di spirito di Dio. Ciò è stato confermato da una dichiarazione ufficiale della Prima Presidenza che ha spiegato:

“La dottrina della pre- esistenza, rivelata così chiaramente, in particolare negli ultimi giorni, riversa una meravigliosa ondata di luce sul problema altrimenti misterioso dell’origine dell’uomo.

Mostra che l’uomo, come spirito, è stato generato e nato da genitori celesti, ed è cresciuto fino alla maturità nelle dimore eterne del Padre, prima di venire sulla terra “(Presidente Joseph F. Smith, 1909 Prima Presidenza, Origine dell’Uomo).

La dottrina è chiara. Siamo stati letteralmente generati e nati come figli di spirito di Dio e cresciuti nell’eternità dal nostro Padre e Madre Celeste.

Il proclama sulla famiglia conferma e approfondisce ulteriormente questa verità affermando che “Tutti gli esseri umani – maschi e femmine – sono creati a immagine di Dio.

Ognuno di essi è un beneamato figlio o figlia di spirito di genitori celesti e, come tale, ognuno di essi possiede una natura e un destino divini. Il sesso è una caratteristica essenziale dell’identità e del fine della vita preterreni, terreni ed eterni dell’individuo”(“La famiglia: un proclama al mondo”, Liahona, ottobre 2004, 49).

La rivelazione di Dottrina ed Alleanze 93 continua a spiegare che i nostri spiriti non sono stati creati dal nulla, come molti hanno supposto, ma che erano fatti di “intelligenza” che “non è stata creata o fatta, né invero può esserlo” (DeA 93:29).

Siamo figli di spirito di Dio

donna baccia bambinaSebbene ci sia molta speculazione su ciò che è questa intelligenza eterna, la definizione ufficiale della Chiesa la descrive semplicemente come “l’elemento di spirito che esisteva prima che fossimo generati come figli di spirito” (Intelligence, Guide to the Scriptures).

Apparentemente, questa “questione spirituale” (DeA 131: 7) è una sostanza divina (DeA 93:36), ed è di questo materiale che i nostri spiriti furono creati quando nacquero come figli di spirito di Dio.

Di conseguenza, Abramo chiama i figli spirituali di Dio “le intelligenze che erano state organizzate prima che il mondo fosse … perché si ergeva tra coloro che erano spiriti” (Abramo 3: 22-23 corsivo dell’autore; “Intelligenze” in questo versetto è ufficialmente definito come “Figli di spirito di Dio” nella Guida alle Scritture e come “spiriti personali” dalla Prima Presidenza nel 1916, Ensign aprile 2002. Vedi anche Ab. 3 nota in calce 22a “Uomo, un figlio spirituale del Padre celeste”).

Sebbene ci fosse un momento nell’eternità in cui nacquero figli spirituali di Dio, siamo ancora propriamente chiamati esseri eterni.

Come ha spiegato il presidente Dieter F. Uchtdorf, “Siamo esseri eterni, figli dell’Iddio Onnipotente, il cui nome è Infinito e che promette innumerevoli benedizioni eterne. Gli epiloghi non fanno parte del nostro destino “(Presidente Uchtdorf, Liahona aprile 2014 ).

Da questo impariamo diversi motivi per cui siamo giustamente chiamati “esseri eterni”, incluso che i nostri spiriti sono fatti di materiale eterno, noi siamo i figli di Genitori Eterni, e vivremo per l’eternità.

Un’altra ragione per cui siamo eterni è che siamo nati come spiriti nell’eternità premortale e dalla nostra limitata prospettiva mortale è come se fossimo sempre esistiti.

In effetti, è come se non avessimo alcun inizio perché siamo “esistiti prima” dell’inizio di questa terra e “esisteremo dopo” la fine della terra, perciò siamo correttamente chiamati “eterni” nel linguaggio scritturale (Abr 3:18 ).

Cosa possiamo diventare

differenza tra la rivelazione e l'ispirazioneLa dottrina secondo cui noi siamo letteralmente figli di spirito di Dio è una verità nobilitante e ispiratrice che ci porta a riconoscere il nostro potenziale divino. Come ha spiegato un ex professore di religione della BYU, “Conoscere cos’è Dio è sapere cos’è l’uomo e cosa può diventare.

La perdita di questa conoscenza va lontano per spiegare la situazione attuale dell’umanità. L’uomo, come l’acqua, non può alzarsi più in alto dei suoi inizi.

Se un numero sempre crescente di uomini e donne sceglie di crogiolarsi nel fango della carnalità, non dobbiamo dimenticare che a loro viene insegnato che la razza umana è stata generata dal fango.

Abbiamo poco desiderio di raggiungere le stelle se non crediamo che siamo venuti dalle stelle.” (Rodney Turner, Studies in Scripture, Vol. 2, Perla di Gran Prezzo, 45 corsivo dell’autore).

Quando ci rendiamo conto che veniamo dal cielo come figli di spirito di Dio, esso ci infonde il desiderio di tornare in paradiso e diventare come i nostri Genitori Celesti.

Non è una coincidenza che la stessa rivelazione che prima ci insegna che siamo figli spirituali di Dio, rivela anche che la più alta forma di adorazione non è semplicemente quella di lodare Dio o persino pregare a Lui, è diventare come il nostro Padre Celeste, proprio come fece Gesù Cristo.

Il Signore spiegò:

“Io vi do queste parole affinché comprendiate e sappiate come adorare, e sappiate che cosa adorate, affinché veniate al Padre in nome mio e a tempo debito siate partecipi della sua pienezza.

Poiché, se rispettate i miei comandamenti sarete partecipi della sua pienezza e sarete glorificati in me, come io lo sono nel Padre; perciò io vi dico, voi riceverete grazia su grazia “(DeA 93: 19-20).

Questa semplice verità, che siamo i figli di Dio di spirito con la capacità di diventare come Lui, è centrale nel Piano di Salvezza.

Quando il nostro Salvatore Gesù Cristo ci invita a seguirLo, è qui che sta cercando di guidarci: diventare come Dio, proprio come ha fatto Lui! Per quanto sorprendente possa sembrare una simile prospettiva ora, è possibile proprio perché siamo figli di Dio.

Come una volta la Prima Presidenza spiegò:

“L’uomo è il figlio di Dio, formato a immagine divina e dotato di attributi divini, e anche se il figlio neonato di un padre e di una madre terreni è capace a tempo debito di diventare un uomo, così la progenie sottosviluppata della parentela celeste è capace, attraverso l’esperienza attraverso le ere , di evolvere in un Dio (Messaggi della Prima Presidenza, 4: 206).

Possiamo ricordare sempre il potere profondo trovato in quella semplice verità: io sono un figlio di Dio.

Questo articolo è stato scritto da Mark A. Mathews ed è stato pubblicato su ldsmag.com. Questo articolo è stato tradotto da Nadia Manzaro.

(Visited 135 times, 1 visits today)