Un bambino di 8 anni è stato premiato per aver salvato la vita di suo padre dopo che una macchina sulla quale stavano lavorando gli è caduta addosso schiacciando il petto di quest’ultimo.

L’incidente improvviso

Il giorno dell’incidente (il 30 luglio 2016) J.T. Parker, suo fratello Mason di 17 anni, e il padre, Stephen Parker, si trovavano nel cortile della loro casa a Sugar City, Idaho.

“Stavamo tirando via il motore dalla macchina, e dopo averla sollevata con il cric, mi sono infilato sotto per rimuovere le assi” ricorda Stephen. “Uno è stato facile da togliere, ma l’altro non voleva saperne di staccarsi”.

L'Autofficina

Mason e J.T. Parker stavano lavorando su una Toyota Prius con il loro padre Stephen quando la macchina cadde all’improvviso sopra di quest’ultimo. | Stephen Parker

Stephen fece per sistemare l’asse e muovere il cric, ma all’improvviso la Toyota Prius cadde su di lui.

Mason era entrato in casa pochi minuti prima per un taglio alla mano, perciò l’unico intorno era J.T.

Il miracoloso salvataggio: degli angeli coinvolti?

“Ho gridato a J.T., il quale era dall’altra parte della macchina: ‘Sollevala! Svelto!’” ha detto Stephen. “Non potevo muovermi. Ero completamente intrappolato, e poi sono svenuto.

Era tutto nelle sue mani, e ho pensato: ‘È finita. È impossibile che riesca a sollevare la macchina, la prima volta io e mio figlio abbiamo dovuto spingere insieme per sollevarla’”.

J.T. Ha iniziato immediatamente a saltare sulla maniglia del cric per cercare di sollevare la macchina dal padre. | Nate Eaton, EastIdahoNews.com

J.T., che pesa poco più di venti chili, ha sistemato il cric ed ha iniziato immediatamente a saltare su e giù sulla maniglia.

“Avevo paura, e non pensavo di riuscire a sollevare la macchina, ma ho continuato a provare” ricorda J.T.

Per 15 minuti ha continuato ininterrottamente a saltare sulla maniglia del cric, finché la macchina non si è lentamente sollevata dal petto del padre.

Stephen dice di non ricordare nulla di tutto ciò.

“Tutto ciò che ricordo è che sentivo pace” ha detto Stephen. “Ricordo di aver visto bianco, come un bel giorno felice. C’erano le nuvole, e tutto era felice e quieto”.

Dopo che la macchina si è sollevata, J.T. è corso da Mason, che ha chiamato i soccorsi.

Nella registrazione della chiamata, Mason impone a suo padre di continuare a respirare.

“So che fa male ma devi farlo” diceva Mason. “Respira! Respira! Respira!”

“Non riesco” rispondeva Stephen.

Mentre Stephen, Mason e J.T. aspettavano i soccorsi, la moglie di Stephen, Jodi, è arrivata a casa.

“Quando sono arrivata, ho visto mio marito sotto una macchina” ha detto Jodi. “Mi sono presa un colpo, e non sapevo cosa sarebbe successo”.

“Solo 13 costole rotte”

elicottero medico

Un elicottero medico è atterrato nel cortile dei Parker e Stephen è stato portato in volo al Centro Medico Regionale dell’Idaho Orientale.

Un elicottero medico è atterrato nel cortile dei Parker e Stephen è stato portato in volo al Centro Medico Regionale dell’Idaho Orientale, in condizioni critiche.

“Mi hanno fatto un sacco di esami, tra risonanze magnetiche e elettrocardiogrammi, e tutto ciò che hanno trovato sono 13 costole rotte”. Ha detto Stephen. “Hanno trovato solo questo. Nessun danno interno. È stato un vero miracolo”.

Stephen è tornato a casa due giorni dopo.

Come è successo?

Una settimana dopo, i genitori di J.T. hanno registrato un video in cui chiedono a loro figlio di sollevare di nuovo la macchina.

Non ci riuscì.

Quando gli è stato chiesto perché pensava di esserci riuscito quel giorno e da dove gli era venuta la forza, J.T. ha semplicemente risposto: “Angeli”.

“Crediamo che mio nonno e mia sorella, entrambi deceduti, lo abbiano aiutato” ha detto Stephen.

La premiazione

La Croce Rossa ha scelto J.T. come uno degli 11 “East Idaho Real Heroes” (veri eroi dell’Idaho orientale) del 2017.

premio croce rossa

J.T. riceve il suo premio come “East Idaho Real Hero” della Croce Rossa Americana durante una cerimonia. | Stephan Rockefeller, EastIdahoNews.com

Durante un pranzo formale, J.T. è stato accolto con una standing ovation mentre saliva sul palco per ricevere il premio. Non ha detto molto, ha solo sorriso e poi è tornato a sedersi con la sua famiglia.

“È stato tutto un enorme miracolo. Non c’è altro modo per descriverlo” ha detto Jodi. “È impossibile che ce l’abbia fatta da solo. Sento che ora abbiamo la responsabilità di dire a tutti quanti che i miracoli esistono ancora”.

Questo articolo è stato scritto da Nate Eaton, pubblicato su EastIdahoNews.com ed è stato tradotto da Stefano Nicotra.

(Visited 246 times, 1 visits today)